menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Crescenzio Sepe

Crescenzio Sepe

Sepe: "Camorristi come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura"

Il cardinale duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti

"Avranno anche le case con i rubinetti d'oro, ma sono come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura". È così che il cardinale Crescenzio Sepe ha duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti.

"Se tutto va bene faranno un bel numero di anni nelle carceri - ha proseguito l'arcivescovo metropolita di Napoli - E quando non va bene si ritrovano al cimitero".

"Chi mette la sua vita a disposizione del male e della violenza, dell'odio e del rancore - ha affermato ancora Sepe - fa della sua vita un emblema di quel male che cerca di sopraffare continuamente, già vive l'inferno adesso". "Perché queste organizzazioni malavitose, questi camorristi, questi mafiosi - ha concluso il cardinale - vivono l'inferno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento