menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Cardarelli festeggia la giornata internazionale dell'infermiere

"E' un vanto per la nostra Azienda - ha affermato il rappresentante sindacale dei Cobas Cardarelli - festeggiare una giornata così importante, alla luce degli ultimi spiacevoli episodi verificati per l'aggressione di un collega"

“Il materasso di mia moglie non è abbastanza morbido", questa è stata la motivazione dell’aggressione avvenuta tra la notte di venerdì e sabato nei confronti di un infermiere dell'Ospedale A.Cardarelli di Napoli. Il dipendente del nosocomio è stato colpito al volto con un casco che gli ha procurato diverse fratture alle ossa mascellari. La molla che ha fatto scattare la violenza è stato il rifiuto di fornire un materasso nuovo alla moglie dell’aggressore ricoverata nel reparto di chirurgia d’urgenza. L’episodio ha mobiliato tutto il personale sanitario dell’ospedale che, con un flash mob organizzato sulla gradinata del nosocomio, ha voluto dimostrare la vicinanza al collega (#iosonoalessandro).

Ed è alla luce di questo e dei tanti altri episodi di violenza avvenuti nei confronti di chi è sempre stato in prima linea per la cura degli ammalati, che l’Azienda Sanitaria più grande Meridione ha in programma per il 12 maggio i festeggiamenti della giornata internazionale dell’infermiere. “E’ un vanto per la nostra azienda e per noi infermieri - ha dichiarato il rappresentante sindacale dei Cobas Cardarelli, il dott. Antonio Di Nardo - festeggiare una giornata così importante, alla luce degli ultimi spiacevoli episodi che si sono verificati per l'aggressione di un collega”. “La nostra professione - ha continuato - ci permette di vedere l'ammalato come persona e non solo come malattia, ci prodighiamo affinchè si possa fare sempre di più per rilanciare il grande progetto della rivalutazione della salute pubblica. Alcuni infermieri, sempre in prima linea a difesa della professione e dell’ammalato, si sono fatti fotografare per rilanciare questa importante giornata”. “Un ringraziamento - ha concluso Di Nardo - va al Direttore Generale, l’Ing. Verdoliva, che con il suo impegno e la sua costanza ha realizzato questo grande progetto di rilancio dell’Azienda Sanitaria più grande del Sud”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento