Arrestato esponente clan Mallardo: estorceva vitto ed alloggio in albergo

Sfruttando la sua "appartenenza" camorristica terrorizzava i titolari di un hotel di Giugliano. Tra consumazioni, camere occupate e soldi estorti ha provocato un danno di 5mila euro

Carabinieri

Estorceva vitto e alloggio in un albergo: pranzi, cene, bevande, vini, liquori, a volte arrivava a chiedere soldi in contanti. Gli bastava approfittarsi della sua nomea di appartenente al clan Mallardo.

Il 45enne Pasquale Granata, detto “'o partigiano” e ritenuto esponente di spicco del clan camorristico dei Mallardo, è stato arrestato dai carabinieri di Giugliano. Dalle indagini è emerso che da aprile ad oggi l'uomo aveva preso di mira il gestore di un hotel di Giugliano dal quale si era fatto consegnare circa 500 euro in denaro contante. Granata, attraverso minacce, aveva inoltre alloggiato a spese del titolare dell'albergo consumando bevande e cibo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra camere, consumazioni e contanti, il danno patrimoniale per l'hotel è stimato in oltre 5mila euro. Granata è stato portato in carcere, a Secondigliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento