menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Locandina dell'evento di Francesco Burzo

Locandina dell'evento di Francesco Burzo

"Butta sotto un parcheggiatore abusivo": l'evento spopola su Facebook

Ironico l'invito: "Sabato non andare semplicemente a ballare. Coniuga l'impegno civico al divertimento spensierato. Ingresso free con consumazione stabilita dal giudice. Patteggiamenti entro le 00.30"

"Butta sotto un parcheggiatore abusivo": ecco l'evento che nelle ultime ore sta spopolando su Facebook, raccogliendo centinaia di adesioni virtuali. "Questo sabato non andare semplicemente a ballare. Coniuga l'impegno civico al divertimento spensierato, aiutandoci a mantenere pulita la nostra bella Napule. Ingresso free uomo-donna con consumazione stabilita dal giudice. Patteggiamenti entro le 00.30".  E' l'ironico e chiaramente provocatorio invito del promotore Francesco Burzo.

"Geniale? Apologia di reato? Feroce ironia? - commentano Gianni Simioli della Radiazza ed il responsabile regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli, che per primi ne danno notizia - Sicuramente la prima vera azione concreta mai organizzata dai cittadini napoletani fino ad oggi ad opera di Francesco Burzo contro quello che è da tempo uno dei fenomeni più fastidiosi (e dispendiosi!) di Napoli ma anche della Campania. E così laddove (ancora una volta) nessuna delle istituzioni che dovrebbe contrastare il fenomeno ha saputo varare soluzioni o almeno dispensare soluzioni o speranze, ci pensa l’ironia (ma sarà solo ironia? qui davvero non se ne può più di queste estorsioni quotidiane) a dar battaglia".

"Proprio sulla pagina che sta spopolando raccogliendo centinaia di adesioni in pochissimo tempo - continuano Simioli e Borrelli - fioccano i consigli degli utenti su come non pagare e difendersi dagli abusivi che ogni giorno "infestano" il territorio e "taglieggiano" gli automobilisti".
Ecco cosa scrive una utente del social network:

"Sono ANNI che non do nemmeno un centesimo ad un abusivo.
Le tecniche adottate?
Dal "semplice" cercare un altro posto più lontano magari ma al sicuro da questa piaga sociale, al più controverso "litigarci" dichiarando di non voler pagare, passando per l'approfittare di una distrazione per entrare/uscire dall'auto senza pagare il dazio (a costo di aspettare diversi minuti presso l'automobile evitando di mostrare le chiavi in mano).
Arrivo, parcheggio e riparto a fari spenti, appena entro in auto chiudo subito le sicure per evitare violenze... una volta mi è successo di essere rincorsa da uno che secondo me era più drogato che parcheggiatore e un'altra volta un tipo mi ha inseguita (a piedi) cercando di aprirmi le portiere (ed ecco il perché delle sicure sempre chiuse).
E quando sono in compagnia di amici... li istruisco secondo le mie direttive per impedire che si "intalleano" e mi fanno sgamare!
Insomma... NEANCHE UN F....O CENTESIMO AVRETE DA ME, ST...!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento