rotate-mobile
Cronaca Piazza Carlo III

Una città in tilt: nuovo blocco dei bus, utenti a piedi

Gli autisti si rifiutano di uscire: "Mezzi non a norma". Il problema è stato determinato però dalla difficoltà finanziaria: gli stipendi di giugno sono stati pagati in ritardo

Anche questa mattina, dopo la protesta di ieri, si stanno registrando in città pesanti disagi per migliaia di utenti del servizio di trasporto pubblico. In giro nemmeno un bus dell'Anm, l'Azienda napoletana mobilità, che ogni giorno registra una media di ben 450 mila 'passaggi'.

Folla alle fermate più importanti, come in piazza Garibaldi, dove sul tabellone luminoso si avvisano gli utenti che il servizio è sospeso per il blocco dei depositi. Gli autisti si rifiutano di uscire spiegando che i mezzi non sono a norma. Il problema è stato determinato però dalla difficoltà finanziaria: gli stipendi di giugno sono stati pagati in ritardo, la quattordicesima e le spettanze di luglio sono a forte rischio.


Niente bus in uscita, dunque, dai depositi del Garittone, di Piazza Carlo III, di via Nazionale delle Puglie, Cavalleggeri, San Giovanni, Stella Polare. (Ansa)

IERI: BLOCCO A SORPRESA DEI BUS ANM A NAPOLI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una città in tilt: nuovo blocco dei bus, utenti a piedi

NapoliToday è in caricamento