menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borgo Sant'Antonio Abate, si cambia

Sopralluogo congiunto in vista di una regolamentazione degli spazi mercatali

Sopralluogo congiunto al Borgo Sant’Antonio Abate delle commissioni Ambiente e Giovani del Comune di Napoli, dell’Unità Operativa San Lorenzo della Polizia Locale, funzionari del commissariato Vasto Arenaccia della Polizia di Stato e delegati della Napoli Servizi, che hanno incontrato una rappresentanza di esercenti della zona.

Non sono mancate, nel tempo, proposte per rilanciare una delle aree mercatali più antiche della città. Un progetto di sistemazione, tra l'altro, è stato elaborato in anni recenti dalla Municipalità 3 al termine di una fase di ascolto delle istanze dei commercianti e di una verifica delle necessità del territorio. Da qualche mese, però, i livelli di attenzione sulla zona sembrano essersi alzati. Lo scorso gennaio, ad esempio, proprio nel borgo è stata condotta una vasta operazione di contrasto all’illegalità. I rappresentanti comunali che hanno partecipato al sopralluogo, in particolare, si sono detti convinti - come spiega un comunicato - "della necessità che si metta finalmente mano a una sistemazione del mercato, uno dei più antichi della città, e si garantisca ai commercianti la possibilità di svolgere le proprie attività nel rispetto delle regole, restituendo al luogo la sua antica vocazione.

Entro la prossima settimana, quindi, come hanno annunciato i presidenti Laura Bismuto e Marco Gaudini al termine del sopralluogo, sarà convocata una riunione congiunta delle due commissioni, allargata alla partecipazione della commissione Lavoro e Mercati cui saranno invitati la Municipalità 3, l’Unità Operativa competente della Polizia Locale, l’assessore Rosaria Galiero, titolare della delega ai Mercati, i servizi comunali competenti, la Napoli Servizi e la Asl.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento