Cronaca

Ordigno bellico trovato sulla Napoli-Bari: sarà fatto brillare senza evacuare la popolazione

Grazie ad una nuova tecnica. In un intervento simile 2 anni fa furono evacuate 36mila persone

Entro due anni si potrà percorrere Napoli-Bari in poco più di due ore. Nel corso dei lavori sulla tratta, all'altezza di Acerra il 27 novembre 2020, è stato individuato un ordigno bellico della II Guerra Mondiale. Sarà fatta brillare dai militari del genio sabato prossimo alle ore 9.00, grazie ad un innovativo sistema messo a punto dai genieri del 21° reggimento della brigata Garibaldi di Caserta.

Sarà possibile disattivare l'ordigno senza la necessità di sgomberare la popolazione civile residente nel raggio ipotetico di azione della bomba. Durante il settembre 2019 un ordigno simile fu ritrovato e bonificato a Battipaglia, in quella circostanza furono evacuate circa 36000 persone tra cui i degenti presso l'ospedale civile della città (per quell'intervento domenica 25 aprile il 21° Reggimento genio riceverà la cittadinanza onoraria di Battipaglia). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordigno bellico trovato sulla Napoli-Bari: sarà fatto brillare senza evacuare la popolazione

NapoliToday è in caricamento