rotate-mobile
Cronaca Portici

Auto distrutte da un incendio in un parco privato: le indagini portano ad un arresto

I carabinieri della stazione di Portici hanno arrestato un 43enne del posto, già noto alle forze dell’ordine, in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della procura partenopea

I carabinieri della stazione di Portici hanno arrestato un 43enne del posto, già noto alle forze dell’ordine, in esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della procura partenopea.

L'uomo - secondo gli inquirenti - è gravemente indiziato di atti persecutori, commessi ai danni di alcuni familiari. Alla base delle reiterate minacce e molestie la presunta lesione di un diritto ereditario sulla casa di proprietà della sorella.

Le indagini furono avviate il 26 dicembre dello scorso anno, quando in un parco privato di Portici alcune auto furono distrutte in un incendio: tra le vetture colpite anche quella del cognato. Le fiamme annerirono anche la facciata di un palazzo.

Tra le condotte documentate dai carabinieri e compendiate nell’odierno provvedimento, alcuni messaggi trasmessi dal 43enne alla sorella nei quali si alludeva ad un suo possibile coinvolgimento nell’appiccare l’incendio.

L'uomo è ora nel carcere di Poggioreale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto distrutte da un incendio in un parco privato: le indagini portano ad un arresto

NapoliToday è in caricamento