menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scomparve nel 2009: arrestati per omicidio due amici della vittima

Di Cristofaro Oliva si persero le tracce in seguito a una telefonata di un amico. Secondo gli investigatori i due giovani fermati avrebbero sequestrato, ucciso e occultato il corpo del 19enne

Allontanato da casa per andare in Brasile, poi ucciso dagli amici con cui coltivava canapa indiana. Questo il risultato delle indagini della polizia di Napoli sulla scomparsa di Cristofaro Oliva che dal novembre 2009 non dava notizie alla famiglia. E adesso sono due amici, uno dei quali molto stretto e di origini egiziane, gli accusati dell'omicidio del giovane.

Immediata la reazione della madre dello scomparso, Fiorella Mormone. "Mio figlio è stato tradito dai suoi amici, in particolare da un giovane che abbiamo anche ospitato per un mese e mezzo a casa nostra. Che amarezza, un dolore infinito che si aggiunge alla notizia dell'uccisione di Cristoforo".

Secondo la ricostruzione fornita dalla donna, nel pomeriggio della scomparsa il ragazzo avrebbe ricevuto una telefonata da un amico che gli diceva che da lì a mezz'ora sarebbe passato a prenderlo sotto casa. "Quel giorno non ero in casa ma sono sicura che quella telefonata sia stato un complotto per tirarlo fuori di casa e di questo sono certa perché mio figlio non aveva l'abitudine di uscire fuori dal viale nemmeno per aspettare qualcuno". Ora, ai due giovani la donna chiede di "dire tutta la verità, spiegare quello che hanno fatto. Questa storia insegna che non si può avere fiducia in nessuna e che si è pronti a uccidere chiunque. La vita non vale niente. Ora andrò avanti solo nella speranza che sia fatta giustizia".

Come ha spiegato il procuratore aggiunto della Repubblica di Napoli, Giovanni Melillo. "La dolorosa vicenda della scomparsa del giovane Cristofaro Oliva ha generato nel corso del tempo numerosi appelli rivolti agli amici del ragazzo, e a quanti potessero essere a conoscenza di elementi rilevanti per il ritrovamento del corpo di Oliva. Il compendio gravemente indiziario a carico degli indagati è il frutto di circa un anno di intense e complesse indagini realizzate attraverso intercettazioni telefoniche, telematiche e acquisizione di dichiarazioni testimoniali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento