Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Camorra, in manette "latitante pericoloso" del clan Ranucci

Nella serata di ieri è stato arrestato Federico Rapprese, 42enne accusato di tentato omicidio aggravato. Si nascondeva a casa della compagna. Inutile il rocambolesco tentativo di fuga

La fuga di Rapprese

Nella serata di ieri, a Melito, i carabinieri hanno rintracciato e arrestato Federico Rapprese, 42 anni. Del posto, l'uomo era inserito nell’elenco dei “latitanti pericolosi”.

Si era sottratto ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere più di un anno fa, il 22 febbraio 2018, ordinanza emessa dal Gip di Napoli su richiesta della Dda per tentato omicidio aggravato da finalità mafiose.

Secondo gli inquirenti, infatti, Rapprese è l'uomo che il 30 dicembre 2006, a Casandrino, tentò di uccidere per conto del clan Ranucci Antonio Marrazzo, 52enne fratello del boss dell'omonimo clan.

Il tentativo di fuga

Il latitante è stato trovato nell’abitazione della compagna. Il blitz è scattato alle 20: i carabinieri hanno circondato l’intero edificio. Inutile il tentativo di fuga dalla finestra del ricercato, che - arrampicatosi sul vano del motore del climatizzatore - è fuggito sul tetto per poi nascondersi in un appartamento in quel momento disabitato. I militari non lo hanno perso d'occhio e infine lo hanno bloccato e condotto in carcere.

Il video

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra, in manette "latitante pericoloso" del clan Ranucci

NapoliToday è in caricamento