menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rione Sant’Alfonso, al via i lavori per risolvere il problema degli allagamenti

La denuncia di Armando Coppola per risolvere i problemi creati dal vecchio fiume Sebeto

Sono cominciati stamattina i lavori per la riqualificazione e la bonifica del Rione Sant’Alfonso, i dieci palazzi dove, si dice, passava il fiume Sebeto.

Le cantinole e gli scantinati dei palazzi sono, da vent’anni, costantemente invasi da infiltrazioni d’acqua. La causa, oltre alle considerazioni sul passaggio dell’antico fiume, sono da ricercarsi nella presenza di una grossa falda acquifera. Il problema è stato a lungo trascurato – la denuncia del presidente della IV Municipalità Armando Coppola –sia da Napoliservizi che dall’assessorato al Patrimonio che, con un continuo rimpallo di responsabilità non avevano mai affrontato seriamente il problema Il presidente della Municipalità: «continui rimpalli di responsabilità» l presidente Coppola si è impegnato, di concerto con il vicepresidente Giuseppe Basile, con continui sopralluoghi, denunce, segnalazioni e convocazioni di conferenze di servizi che hanno finalmente dato l’input per l’avvio dei lavori «Durante questi cinque anni ci siamo impegnati quotidianamente per risolvere questo problema – ha spiegato il presidente della IV Municipalità Armando Coppola – che interessa migliaia di cittadini. Le cantinole e gli scantinati dei palazzi sono costantemente allagati a causa della presenza di una falda acquifera. Napoliservizi e assessorato al Patrimonio stanno finalmente intervenendo per risolvere una questione che metteva a serio pericolo la tenuta degli stabili – prosegue Coppola – e questo è stato possibile solo grazie al nostro impegno. Il problema veniva costantemente passato da una competenza all’altra. Per una volta si sono decisi ad ascoltare le istituzioni di prossimità» Ufficio Stampa IV Municipalità

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento