menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All'asta l'orecchino di brillanti di Maradona: si parte da 4mila euro

Sarà messo all'asta a partire dal 14 gennaio prossimo l'orecchino di brillanti di proprietà di Diego Armando Maradona che deve al fisco circa 36 milioni di euro. Dal febbraio del 2005 quando la Cassazione ha ufficializzato la sua condizione di evasore fiscale, l'ex calciatore è perseguitato da Equitalia che finora è riuscita a sottrargli poco meno di 50mila euro

L'orecchino di brillanti sequestrato lo scorso settembre a Diego Armando Maratona per il mancato pagamento di tasse in Italia, sarà messo all'asta il prossimo 14 gennaio.

La vendita sarà curata dall'Istituto Vendite Giudiziarie, probabilmente di Bolzano. Scartata l'ipotesi che l'orecchino possa essere ceduto attraverso E-bay, cuna delle modalità di vendita ipotizzata da Equitalia. La base d'asta, secondo quanto si apprende, non è ancora stata fissata ma le prime valutazione effettuate subito dopo il sequestro avevano stimato un valore dell'orecchino attorno ai 4.000 euro. All'acquirente potrebbe essere consegnata, con i documenti di accompagnamento, anche copia del verbale con la firma autografa del 'Pibe de Oro'.

Non è la prima confisca di cui è oggetto Maradona, sono diversi gli episodi che hanno visto gli uomini dell'amministrazione fiscale impegnati a recuperare il più possibile dall'ex campione che deve al fisco italiano circa 36 milioni di euro. Nel 2006 gli è stato infatti già confiscato un orologio Rolex da 11.000 euro.

Dal febbraio 2005, quando una sentenza della Corte di Cassazione ufficializza il suo stato di evasore fiscale, Equitalia si e' messa sulle tracce dell'ex calciatore e lo ha seguito in ogni sua nuova sortita italiana: un'attività che ha fruttato poco meno di 50.000 euro alle casse dell'erario.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Salute

Al Policlinico Federico II visite ed esami gratuiti per le donne

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento