menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Bossetti e Roberto Saviano

Massimo Bossetti e Roberto Saviano

Saviano choc su Bossetti: "Non sono convinto sia lui il colpevole"

Dalle pagine del settimanale Oggi, l'autore di Gomorra getta ombre sulle indagini relative all'omicidio di Yara Gambirasio

Roberto Saviano non è convinto che l'assassino di Yara Gambirasio sia Massimo Bossetti. Lo scrittore napoletano è intervenuto – sulle pagine del settimanale Oggi – a proposito di uno dei casi giudiziari più inquietanti e controversi degli ultimi anni, mostrando scetticismo sul processo.

"Il padre di Yara – spiega l'autore di Gomorra – ha lavorato per la Lopav, un’azienda di proprietà dei figli di Pasquale Locatelli, superboss del narcotraffico, che aveva anche un appalto nel cantiere di Mapello. Inoltre, alla festa della Lopav parteciparono tre magistrati della procura di Bergamo".

Una premessa che getta molte ombre sulla vicenda. "Mi sembra inquietante – ha aggiunto lo scrittore – che non si sia indagato in quella direzione. Anche perché tutti e tre i cani molecolari usati nelle indagini, sono andati tutti dalla palestra in cui si allenava Yara al cantiere. Spero che in Appello si approfondiscano queste piste".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento