Domenica, 24 Ottobre 2021
Notizie SSC Napoli

Mancini: "Pensavo fosse l'anno del Napoli. Insigne unico, è il meno sostituibile per l'Italia"

Il ct della Nazionale, in una lunga intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, ha parlato anche della squadra azzurra

"Mi aspettavo di più dal Napoli, pensavo fosse il suo anno". Così Roberto Mancini, nel corso di una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, ha parlato della squadra azzurra e della lotta al vertice.

"E' un campionato divertente per l'equilibrio, per la riduzione dell'effetto casa-trasferta e perchè molte squadre se la giocano con coraggio e spirito propositivo", ha aggiunto il ct della Nazionale.

Mancini ha parlato anche del capitano del Napoli Lorenzo Insigne: "Per noi Lorenzo è unico. Per il ruolo di raccordo, per come lega la squadra è il giocatore meno sostituibile". 

Il commissario tecnico ha parlato anche di due obiettivi di mercato azzurri, Emerson Palmieri e Zaccagni: "Per Emerson vediamo. Trovasse posto in Italia in un club ambizioso, sarebbe il massimo. Per Zaccagni il discorso è diverso da Emerson. Per un giovane, più che il grande club, è importante la certezza di giocare tanto". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancini: "Pensavo fosse l'anno del Napoli. Insigne unico, è il meno sostituibile per l'Italia"

NapoliToday è in caricamento