rotate-mobile
Notizie SSC Napoli

Juve-Napoli, l'avvocato Grassani: "La partita si dovrà giocare"

Il legale del club partenopeo fa il punto della situazione

L'avvocato Mattia Grassani, legale del Napoli, ha parlato a Radio Punto Nuovo della situazione post annullamento del match con la Juve: "Atti della Procura Federale? Nel percorso dell'omologazione, la Procura Federale ha aperto un iter per il rispetto del protocollo dopo la positività di Zielinski. Il Napoli non è indagato, sono stati chiesti documenti dal giorno 2 al giorno 4 ottobre. Il Napoli con le autorità sanitarie locali, Asl Napoli 1 e Napoli 2, come da documenti che invieremo alla Procura Federale, ha avuto un copioso carteggio che dimostra come ci sia stato il rispetto di tutte le procedure, come certificato sia da Asl Napoli 1 sia da Asl Napoli 2. Questione bolla? Le comunicazioni della positività parlavano di isolamento fiduciario sia presso il domicilio del calciatore sia in un centro comune indicato dal club. Da oggi è stato comunicato alla Asl di Caserta competente che il domicilio del gruppo squadra Napoli sarà nel centro tecnico di Castel Volturno. Nel protocollo c'è il richiamo 'fatti salvi i provvedimenti dell'autorità sanitarie statali o locali'.

"Il provvedimento delle autorità sanitarie è chiaro e la partita si dovrà giocare. Al Napoli è stato intimato di non giocare, punto. Come mai per Palermo-Potenza con un identico provvedimento della Asl di Potenza non si è giocata senza che nessuno ne parlasse e su Juventus-Napoli non c'è stato uno stesso iter?", conclude l'avvocato Grassani. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juve-Napoli, l'avvocato Grassani: "La partita si dovrà giocare"

NapoliToday è in caricamento