menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mazzarri: "Ci sarà turnover. In attacco ne cambierò uno solo, ma Cavani giocherà"

Il tecnico azzurro nella conferenza stampa alla vigilia di Cagliari, fa intuire che a rimanere fuori al Sant'Elia potrebbe essere Hamsik

Walter Mazzarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match con il Cagliari. Ecco quanto evidenzia il sito ufficiale del Napoli:

Mister, dopo il Bayern arriva il Cagliari, che Napoli si aspetta?

"Ormai noi dobbiamo entrare nella mentalità del doppio binario Champions-campionato. Con il Bayern abbia giocato una gran partita, adesso mentalmente dobbiamo concentrarci sul Cagliari. Questo sarà il nostro destino finchè giocheremo in Europa. Bisogna essere pronti a voltare subito pagina. Per giocare a certi livelli ci vuole lucidità e ci vogliono giocatori sempre al top, per questo credo che domani qualcosa cambierò nei reparti. Ma mi aspetto un Napoli che giochi seguendo la propria identità, sempre. La nostra idea è quella di crescere e diventare una grande squadra soprattutto come mentalità".

A Cagliari la partita col Napoli è molto sentita...

"Io guardo solo al campo e dico che in questo momento il Cagliari è la seconda forza del campionato. E' davanti a noi, quindi non è una partita "grande" contro "piccola" ma in questo caso siamo noi quelli che siamo dietro. Perciò andiamo ad affrontare una squadra che in questo momento, classifica dice, è più forte di noi. Se ragioniamo con i giusti parametri sono fiducioso che i ragazzi domani possano avere il giusto approccio alla gara"

Ci sarà turnover?

"Come ho detto qualcosa cambierò, non solo per l'accumulo delle partite precedenti, ma anche in vista dei prossimi impegni. Posso dire che in difesa ho varie opzioni, che a centrocampo ho tutti titolari, quindi si tratta solo di una eventuale rotazione, ed in attacco cambierò un solo uomo forse e Cavani giocherà. Però per la formazione definitiva ho ancora due tre dubbi che scioglierò dopo aver parlato con tutti i giocatori".

Dal Cagliari sono arrivate per lei belle parole di Biondini...

"Lo conosco dai tempi della Reggina e sono molto contento che giugano dai miei ex calciatori questi attestati di stima. Sono le cose che maggiormente fanno piacere ad un allenatore. Biondini è un ottimo giocatore e tutto il Cagliari è temibile come rosa. Hanno uomini di qualità e li conosciamo bene. Ci vorrà quel giusto rispetto per comprendere le insidie che ci riserverà la partita. Affrontiamo una squadra forte, in un ambiente caldo e le motivazioni arrivano da sole".

Sinora il Napoli ha sofferto le cosiddette piccole...

"Innanzitutto non è un discorso riferito ai prossimi impegni perché Cagliari e Udinese sono davanti al Napoli. Detto ciò, dobbiamo comprendere che l'attenzione verso di noi è aumentata, la visione che hanno di noi gli avversari è notevolmente cambiata in questi anni. Adesso tutti giocano la partita della vita quando affrontano il Napoli, come è giusto che sia per una squadra che è cresciuta tanto. Sta a noi continuare su questa strada di maturazione e dimostrare di poter sempre essere all'altezza su tutti i campi".

Sono rimaste scorie dopo la partita col Parma?

"Giusto analizzare anche a quella partita, perchè al di là del Bayern, noi veniamo dalla sconfitta con il Parma e da quella dobbiamo ripartire. I miei ragazzi sono orgogliosi e sempre dopo uno stop hanno reagito bene. Qualcuno ha detto che abbiamo subìto troppo il contropiede, invece io voglio evidenziare che è proprio grazie a questo tipo di atteggiamento che siamo riusciti in questi anni a vincere tante partite anche all'ultimo minuto. Io voglio una squadra che sia propositiva e che possa avere più dell'avversario il possesso di palla. Questo tipo di gioco aggressivo piace a me e piace ai nostri tifosi. Percià, anche magari rischiando qualcosa, dobbiamo proseguire con questa mentalità perchè esprimendoci così alla lunga i risultati arrivano sempre. Se vogliamo crescere e pensare da grande squadra, è questo lo spirito giusto che ci dovrà sempre animare".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento