rotate-mobile
social

Storie assurde di Napoli e dintorni: trova chiusa la porta del bagno. Ecco perché chiama i carabinieri

Allarme ad Afragola, con tanto di capannello di folla. E qualcuno corre a giocare i numeri al lotto

Nel pomeriggio di ieri, ad Afragola, un impiegato della banca Unicredit decide di andare in bagno ma trova la porta insolitamente chiusa a chiave. Meravigliato prova ad aprirla, riprova, ma niente: è proprio chiusa. Allora in lui comincia a farsi strada un sospetto: secondo un copione ormai classico, qualcuno potrebbe essersi chiuso nei locali del bagno per poi saltare fuori al momento opportuno e mettere a segno una rapina. Così avvisa i colleghi e assieme chiamano i carabinieri che accorrono a tempo record sul posto per controllare.

Nel frattempo la voce comincia a correre veloce. E come sempre accade quando si tratta di voci, di bocca in bocca il racconto cambia fino a parlare di un uomo armato di mitra, pronto a tutto, asserragliato nella banca, forse con ostaggi.

All'esterno della banca un'auto dei carabinieri e un capannello di curiosi tenuto a stento a distanza di sicurezza, fino a quando i militari dell'arma non sono usciti dalla banca e, tra sollievo e delusione dei presenti, hanno confermato che nel bagno non c'era nessuno. La porta si era semplicemente bloccata

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storie assurde di Napoli e dintorni: trova chiusa la porta del bagno. Ecco perché chiama i carabinieri

NapoliToday è in caricamento