rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Green

La via della felicità si prendono cura di parchi e giardini

I volontari ripuliscono e raccolgono i rifiuti a Napoli e a Marano.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Oltre ai rifiuti abbandonati, una nota associazione green ha analizzato anche la presenza dei cestini per la loro raccolta. La maggior parte dei rifiuti rinvenuti è riconducibile a due categorie specifiche che sono quella dei prodotti “usa e getta” (piatti, posate e bicchieri di plastica ma anche cannucce, contenitori per cibo e fazzoletti) e quelle degli “imballaggi. C’è poi la questione dei cestini per la raccolta dei rifiuti presenti in 46 dei 53 transetti monitorati. Solo nel 30% dei casi sono predisposti per la differenziazione dei rifiuti secondo i materiali. Poiché una delle maggiori cause della dispersione dei rifiuti nell’ambiente è il vento, nel monitoraggio viene specificato che solo in 18 transetti su 53 (39%) è presente il coperchio utile a prevenire la dispersione di materiale. Nel questionario Park Litter la presenza di tombini e canali di scolo è stata rilevata in 37 dei 53 transetti monitorati (70%). Questo parametro è stato rilevato in quanto studi a livello mondiale hanno stabilito che uno dei principali vettori di rifiuti in ambiente marino sono proprio i canali e i corsi d’acqua spesso collegati con la rete fognaria urbana e la principale fonte dei rifiuti è la cattiva gestione di quelli di origine urbana. Nel 47% dei transetti (25 su 53) sono state notate zone di accumulo, per lo più sotto o nelle vicinanze di panchine. Ecco perché i volontari al termine dei loro interventi hanno deciso di lasciare dei cartelli che suggeriscono di prendere con sé uno dei sacchi per l’immondizia, lasciati sempre dal gruppo, così che non vengano dispersi rifiuti all’interno del parco o nelle aree verdi. Pascal Lemos, coordinatore dell’iniziativa, vuole sottolineare le parole dell’umanitario L. Ron Hubbard, autore della guida al buon senso La Via della Felicità, “Si può influenzare la condotta di chi ci circonda. […] Un ciottolo, gettato in acqua, può provocare onde fino alla spiaggia più lontana.” Per questo il gruppo di napoletani vuole lanciare un invito a tutti i cittadini a partecipare alle prossime iniziative che si terranno nei prossimi week-end, così da dare il buon esempio e creare una consapevolezza maggiore di rispetto per l’ambiente. Per maggiori informazioni chiama il numero 393.287.9569 (Pascal Lemos) o scrivi a laviadellafelicitacampania@gmail.com . Ufficio Stampa La Via della Felicità Sezione Campania Pascal Lemos Tel: 393.287.9569 Email: laviadellafelicitacampania@gmail.com

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La via della felicità si prendono cura di parchi e giardini

NapoliToday è in caricamento