Plato e i Credi Davvero sbancano Pozzuoli all’El Rincon De Goya con il Vasco Rossi Tribute

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Un venerdi di fine estate, un venerdi dove si respira l'aria di un grande evento rock.

Siamo a Pozzuoli e precisamente a Via Campana, strada che unisce la città Flegrea Con il Comune di Quarto.

La location è quella delle grandi occasioni, stiamo parlando dell'El Rincon De Goya che con i suoi 150 posti è già Sold Out da parecchi giorni per ospitare il più grande Tributo a Vasco Rossi in circolazione.

Stiamo parlando del rocker Plato definito dalla stampa re delle birrerie e la sua Credi Davvero Rock Band.

Plato che con i suoi 45 anni e ben 23 anni di Tributo a Vasco, si presenta sul palco con tanto di giubbotto di pelle, occhiali rossi e cappello da vera Rock Star Americana.

I Credi Davvero, la sua macchina rock come lui stesso la definisce è composta da Vincenzo Fiore(Batteria), Attilio Cammino(Tastiere), Colella Vincenzo(Chitarra), Biagio Di Bonito(Basso) e Giuseppe Picariello(Chitarra).

Ore 22:00 ed incomincia subito il delirio, si parte con Sono Innocente, Brava Giulia e L'Uomo Più Semplice, un tris Rock dove le due chitarre fanno da Prime Donne.

Si va avanti con pezzi come La Nostra Relazione e Guai e qui si incominciano a vedere le luci dei cellulari proprio come avviene negli stadi con il Vasco Nazionale.

In scaletta c'è spazio anche per canzoni come Lo Show, Senza Parole e Splendida Giornata.

Ma l'apoteosi la si ha con Rewind e T'immagini, succede di tutto, El Rincon De Goya incomincia a tremare in tutti i lati, c'è chi salta, balla, è una grandissima festa.

Non mancano le dediche come succede spesso, ed il finale è con un poker di canzoni che hanno fatto la storia della musica rock italiana:

C'è Chi Dice No, Gli Spari Sopra, Vita Spericolata ed Albachiara.

Un concerto di grandissima performance che ha toccato i nostri cuori sprigionando ricordi indelebili nel tempo ci spiga il titolare Antonio Tresa che insieme agli organizzatori a fine concerto hanno deciso di replicare il prossimo 11 Dicembre.

Torna su
NapoliToday è in caricamento