Mercoledì, 28 Luglio 2021
Economia

A Napoli si pagano più tasse che al Nord: il rapporto Eurispes

Il capoluogo partenopeo è la seconda città d'Italia in fatto di tributi da pagare. Questo a fronte di servizi più scadenti e spesso più costosi

Al Sud si pagano più tasse, e Napoli è tra le città più bistrattate del Paese. È quanto emerge dal dossier di Eurispes sulla condizione del Meridione e sugli ultimi anni di politiche economiche italiane. Il rapporto mostra dati alla mano come chi risiede nel Mezzogiorno paghi più tasse perché lo Stato, investendo meno in essi, costringe gli enti locali ad aumentare la pressione fiscale per sostenersi.

"I meridionali – srive Eurispes – oltre a godere di servizi e benefici di pessima qualità, e pur avendo in media già redditi decisamente più bassi rispetto ai loro concittadini del Nord, si ritrovano a dover pagare tasse molto più onerose rispetto a questi ultimi".

Napoli è la seconda città d'Italia in cui una famiglia media paga più tasse. Tra Irpef, Tasi, bollo auto, Tari e addizionali comunali e regionali all’Irpef, la spesa è di 7.658 euro l’anno, poche decine di euro in meno della prima in classifica, Reggio Calabria (7.684 euro). Segue in terza posizione Salerno.

Spesa pubblica inferiore, servizi più cari

Pesantissimo il confronto tra i dati della spesa pubblica nella sanità, ad esempio. Dal 2000 al 2017 ogni meridionale ha avuto in media 280 euro l’anno in meno rispetto a ciascun suo concittadino del Centro-Nord, addirittura 501 euro in meno l'anno rispetto ad un lombardo. Altro esempio negativo è la spesa per l'amministrazione pubblica: 1.723 euro al Centro-Nord e 1.263 nel Mezzogiorno.

Molti servizi al Sud, inoltre, hanno un costo superiore. "Al Meridione, per esempio - si legge nel dossier Eurispes - si pagano le Rc auto più costose, gli interessi bancari più alti, la benzina più cara, le utenze domestiche più elevate". E ad esempio, la luce costa di più per il cosiddetto “Fattore Omega", ovvero una multa per i Comuni – ad esempio – in ritardo di pagamento delle fatture di energia elettrica. Altro esempio i treni: il costo di un Frecciarossa sulla tratta Paola-Napoli (224 km) "è maggiore di quello che si ha su una tratta come la Roma-Firenze (232 km), benché la durata del viaggio sia addirittura parecchio maggiore nel primo dei due casi (rispettivamente: 2 ore e 35 minuti contro 1 ora e 35 minuti circa)", spiega Eurispes.

Il commento

"I dati Eurispes di oggi squarciano il velo di ipocrisia e pregiudizi che avvolge il nostro Sud: le famiglie meridionali pagano mediamente più tasse di quelle del Centro-Nord e ricevono in cambio dallo Stato meno risorse da investire in servizi – è stato il commento di Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia – È evidente che di fronte a questa situazione noi salutiamo con favore una misura importante come la decontribuzione del 30% per i lavoratori, prevista secondo le anticipazioni nel decreto agosto. Ma invitiamo il governo ad avere più coraggio, perché già in passato le decontribuzioni hanno mostrato un’efficacia parziale: occorre ora un intervento strutturale sul piano fiscale e della redistribuzione delle risorse pubbliche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Napoli si pagano più tasse che al Nord: il rapporto Eurispes

NapoliToday è in caricamento