Un Pulcinella di bronzo, il dono di Lello Esposito alla città

La statua è in vico Fico del Purgatorio e attira ogni giorno lo sguardo di migliaia di turisti

Foto di Chiara Di Martino

A guardarla, sembra stia lì da sempre, tanto è inglobata in modo naturale nel vicolo dove si trova. E invece è lì, in vico Fico al Purgatorio quasi all’angolo con via dei Tribunali, soltanto dal 2012 la statua di Pulcinella, dono dell’artista Lello Esposito alla città. L'opera in bronzo, un metro e venti posata su un basamento in pietra, è infatti una delle figure più fotografate del centro storico (e anche tra le più “toccate”: si dice che poggiando la mano sul naso a becco della maschera ci si attiri la buona sorte).

La scultura si trova a poca distanza dalla Chiesa del Purgatorio ad Arco in una delle arterie che collega via dei Tribunali, il Decumano Maggiore, a via San Biagio dei Librai, il Decumano inferiore conosciuto anche come “SpaccanapolI”. A pochi passi dalla statua sorge il “T.I.N, Teatro Instabile Napoletano”, impegnato in un’azione di recupero di tutta l’area. Pulcinella è la maschera di Napoli, una delle più popolari e antiche: già conosciuta ai tempi dei Romani, sparì con l’arrivo del Cristianesimo ma risorse nel ’500 con la Commedia dell’Arte. Proprio con questa icona Lello Esposito, artista partenopeo attivo tra Napoli e New York, ha iniziato la sua carriera di scultore e pittore. Realizzò il suo primo esemplare nel 1973 con ferro filato e DAS, per destinarla alla vendita alla propria bancarella a via Scarlatti; da allora centinaia sono le interpretazioni che ne ha dato, insieme ad altre icone della città come l’uovo, il teschio, il vulcano, San Gennaro e il corno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Napoli, l'artista lavora nel laboratorio nelle scuderie di Palazzo Sansevero, in piazza San Domenico Maggiore, mentre nella Grande Mela ha scelto la zona di Brooklyn: fino a oggi, ha esposto nei principali musei del mondo, da Parigi a Budapest, da Madrid a Berlino, da Düsuserldorf a Bonn, dal Principato di Monaco alla Grecia sino a Tokio. Un altro celebre Pulcinella da lui firmato si trova nella stazione della metropolitana di Salvator Rosa, dove si può ammirare la scultura in bronzo dal titolo “Eccomi qui”. Esposito fu tra i protagonisti della mostra museo "Creator vesevo",  progetto promosso dalla Regione Campania e Provincia di Napoli in collaborazione con il Parco Nazionale del Vesuvio e del Consorzio per la Tutela della Pietra Lavica Vesuviana a sostegno del Comune di Ercolano: per l’occasione creò “Gli occhi del Vesuvio”, una scultura di pietra lavica dal peso di 45 tonnellate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, divieti e limitazioni per feste e cerimonie: tutte le decisioni di De Luca

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Boom di contagi in Campania, nuova ordinanza di De Luca: scuole chiuse e restrizioni sociali

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy: ecco dove acquistarle scontate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento