Cultura

Antonella Capobianco “nei nostri sogni” scava nella psiche e nei comportamenti dell’uomo in maniera insolita

Primo romanzo per la scrittrice

Un pretesto per parlare di tematiche forti di carattere sociale da cui non possiamo più prescindere ai giorni nostri: quelle dell’incomunicabilità tra genitori e figli, del coming out in famiglia e della triste piaga dell'omofobia.   Prova a farlo “Nei nostri sogni”, il libro dell’esordiente Antonella Capobianco, che affronta disagi e piaghe della società importanti attraverso una vicenda soprannaturale, senza sottrarsi ad una sfida impegnativa e rischiosa e facendolo con sensibilità, lucidità e attenzione che solo chi ha toccato con mano certi aspetti può sviluppare. Volume pubblicato da PAV Edizioni quest'anno e disponibile nelle librerie (su ordinazione), nonché acquistabile su Amazon.  Nella prima fatica letteraria della napoletana Capobianco, esordiente assoluta con una grande passione per l'arte e per la scrittura, le tematiche come la morte, le attese e le occasioni mancate della vita passano sotto la lente dell'elemento soprannaturale, e a tratti anche del paranormale, per approdare nell'attualità con cui dobbiamo fare i conti. I sogni diventano pertanto, al di là di ogni credo spirituale e religioso, lo strumento attraverso cui Emma continua a comunicare con uno dei suoi due figli, a causa della perdita improvvisa che sconvolge totalmente il suo nucleo familiare.  Un evento inatteso che mette in moto anche scoperte decisive e svela i segreti meglio nascosti tra i suoi cari, perfetti sconosciuti l'uno per l'altro. 

Tanti i temi toccati pregnanti e quanto mai a noi vicini: dall'assenza di comunicazione, seppur nell'era dell'interconnessione, che solo apparentemente include all' omosessualità, l'omofobia che emergono e si intrecciano alle visioni oniriche e alla vita ultraterrena della giovane madre Emma, impegnata nella prova più difficile di tutte: guidare gli uomini della sua vita verso un’elaborazione del lutto e verso il superamento delle sfide più gravi, con tutto l’amore materno possibile. 

Antonella Capobianco è napoletana d'origine ma ha vissuto a Torre del Greco fin da piccola. Appassionata di letteratura e arte (dipinge anche, sul suo account instagram è possibile vedere quadri e dipinti più recenti), ha sempre avuto una grande passione e un amore sconfinato per la scrittura, e fin da giovanissima si è dedicata alla creazione di mondi immaginari, storie in cui far muovere pensieri e personaggi di fantasia e di ispirazione reale. Ha anteposto i doveri di madre e la sua famiglia alla vocazione giornalistica e letteraria. Collabora con una onlus che si occupa di disagi psichiatrici,  un'associazione che si pone l'obiettivo di abbattere lo stigma che circonda chi soffre di disturbi mentali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonella Capobianco “nei nostri sogni” scava nella psiche e nei comportamenti dell’uomo in maniera insolita

NapoliToday è in caricamento