Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Ladro di smartphone a 13 anni linciato in spiaggia dai bagnanti, la testimonianza

A salvarlo sono stati i vigili urbani. “Se non fossero intervenuti non so come sarebbe finita per quel ragazzo”, ci racconta un lettore

Sta facendo discutere in queste ore un episodio avvenuto giovedì scorso su una spiaggia di Vietri sul Mare, in provincia di Salerno. Lì – come riferito dal quotidiano La Città – un ragazzino di 13 anni ritenuto responsabile del furto di alcuni zaini e smartphone è stato scoperto e malmenato dai bagnanti, per poi venire salvato dalla polizia municipale.

Stefano, un nostro lettore che vive in provincia di Napoli, era su quella spiaggia giovedì pomeriggio e ha potuto osservare la scena. “È stato un vero e proprio linciaggio – ci spiega – e sinceramente se non fossero intervenuti i vigili urbani non so come sarebbe finita per quel ragazzo. Ovviamente non giustifico i furti, ma da qui a farsi giustizia da soli come gli animali ce ne passa”.

In soccorso del ragazzino sono arrivati due agenti della polizia municipale di Vietri sul Mare, che erano nei paraggi per i controlli dedicati alle spiagge e al lungomare. Sono intervenuti notando il ragazzo a terra circondato da una decina di persone che lo prendevano a calci e pugni.
Gli aggressori si sono dileguati, non prima però di aver indicato il ragazzino – probabilmente con alcuni altri complici – come l'autore dei furti di zaini e telefoni verificatisi nei giorni scorsi sulla spiaggia.

“Ho parlato con alcuni altri bagnanti e sembravano quasi d'accordo col pestaggio – ci spiega ancora il nostro lettore – io mi chiedo: e se non fosse stato lui? A me sinceramente fa più paura una spiaggia favorevole a linciare un ragazzino che un ladro di cellulari”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladro di smartphone a 13 anni linciato in spiaggia dai bagnanti, la testimonianza
NapoliToday è in caricamento