rotate-mobile
social Pendino / Via Duomo

Miracolo di San Gennaro: come si svolgeranno le celebrazioni il 18 e 19 settembre

Riti solenni preparatori il 18 settembre e quindi, il giorno seguente, l'attesa del miracolo e la processione in Cattedrale con le ampolle

Inizieranno il prossimo 18 settembre i "Riti Solenni" per la festività di San Gennaro, Patrono di Napoli e della Campania. Quest’anno l’olio verrà offerto dai donatori di sangue, organizzati dall’Asl Napoli 1, diretta da Ciro Verdoliva.

L'attesa e l'Olio

Alle ore 17.00 nella Chiesa di san Giorgio a Forcella con una breve Liturgia della Parola avrà inizio il corteo aperto dalla fanfara dei Carabinieri, seguito dai dirigenti dell’Asl e dai donatori di sangue e dai membri del Comitato Diocesano San Gennaro.

Alle ore 18.00, in Cattedrale, avrà luogo il Rito Vigiliare con la Celebrazione dei primi vespri, presieduti dell’Arcivescovo Metropolita di Napoli, don Mimmo Battaglia.

Alla processione introitale prenderanno parte, oltre i canonici del Capitolo Metropolitano e i Prelati della Cappella del Tesoro di San Gennaro, una delegazione del Comitato, con il presidente Carmineantonio Esposito, e i tedofori delle “staffette della fede”, promosse dal Centro Sportivo Italiano. Nel corso della celebrazione l’Arcivescovo consegnerà alla comunità diocesana il Messaggio per il nuovo anno e l’agenda pastorale.

Prima della conclusione, si procederà all’accensione della lampada votiva posta, nella Cripta, davanti alle Reliquie di San Gennaro.

La Cattedrale e l'ampolla

Il 19 settembre la Cattedrale aprirà alle ore 7.30 e resterà aperta per l’intera giornata.

Alle ore 9.45, l’Arcivescovo Domenico Battaglia si recherà nella Cappella del Tesoro. Con l’Abate, monsignor Vincenzo de Gregorio, e il Sindaco Gaetano Manfredi, provvederà all’apertura della cassaforte dove sono custodite le ampolle con il Sangue che saranno poste sul Tronetto, portato a spalla dai seminaristi fino all’altare maggiore della Cattedrale dove alle ore 10 avrà inizio la Solenne Celebrazione Eucaristica nel corso della quale, se ci sarà il prodigioso evento della liquefazione del Sangue, verrà dato l’annuncio ai presenti.

Prima della conclusione della Santa Messa L’Arcivescovo, percorrendo la navata centrale, si porterà all’esterno della Cattedrale, per esporre ai fedeli e alla Città le ampolle con il Sangue.

Quando venerare il sangue del Santo

Fino al 26 settembre si svolgerà l’Ottavario di ringraziamento: alle ore 9 ci sarà la celebrazione della Santa Messa nella Cappella del Tesoro, presieduta da un Prelato e al termine l’ampolla con il Sangue verrà portata sull’altare maggiore, affidata ad un Canonico per la venerazione del popolo fino alle 12.30. Le preghiere e la venerazione riprenderanno alle 16.30 fino alle 18.30, allorquando ci sarà la celebrazione della Santa Messa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miracolo di San Gennaro: come si svolgeranno le celebrazioni il 18 e 19 settembre

NapoliToday è in caricamento