PozzuoliToday

MONTERUSCIELLO Lotto 3, tra campi di calcio abbandonati e case umide

Tra i quartieri "Monterusciello 1" e "Monterusciello 2" c'è il lotto 3, un lembo di terra dove sorgono case popolari. Qui la gente vive nel completo abbandono, in case umide e cantine allagate e i campetti di calcio sono cattedrali nel deserto

lotto-3Uno spazio immenso. Palazzi a destra e a sinistra, in discesa ed in salita. È il lotto che quasi divide "Monterusciello uno" da "Monterusciello due", dove ci sono la maggior parte delle case popolari. Lotto 3, decine di palazzi gialli, in via Pier Paolo Pasolini, la perpendicolare alla via dedicata a Giuseppe Ungaretti. Salendo, sulla sinistra, un campetto di calcio dismesso, come la maggior parte dei campetti di calcio di Monterusciello.

Ideati forse per agevolare l'aggregazione ma diventate cattedrali (distrutte) nel deserto. Quel campo da calcio, infatti, solo qualche volta è stato momento di ritrovo sportivo per i giovani, che s'impegnavano ad organizzare tornei con le squadre dei vari Lotti. I 16 palazzi di via Pasolini, sparsi in cinquecento metri di lunghezza, presentano ognuno delle condizioni strutturali diverse. Nonostante siano stati edificati, ovviamente, durante lo stesso periodo le strutture vivono molte complicazioni, differenti tra loro. Uno degli ultimi palazzi sulla destra, in salita, ha il noto problema dell'umidità, che in questo caso colpisce i residenti dell'ultimo piano persino dentro le proprie abitazioni.

Come si può vedere dalle foto, infatti, una degli alloggi del quarto piano ha visibilmente le pareti umide. "Già l'anno scorso abbiamo chiamato i responsabili - afferma l'inquilina della casa - hanno aggiustato il solaio e mi avevano garantito che le mie pareti non si sarebbero ridotte più in queste condizioni. Ho dato una rinfrescata alla casa verniciando tutte le stanze, ma ancora oggi si vede ad occhio nudo la condizione di alcuni angoli. Aspetterò fino ad ottobre, quando verrà il mal tempo. Se dovesse ricapitare quello che è accaduto l'anno scorso, allora, prenderò seri provvedimenti". Un problema che non è solo interno alle case. Anche per le scale, infatti, l'umidità è molto visibile. La botola che fa da collegamento tra l'ultimo piano del palazzo e il tetto gocciola ogni qual volta viene a piovere, facendo così allagare tutte le scale.

 

 

 

Ma non solo da sopra viene l'acqua. Anche nelle cantine c'è acqua, al pianterreno. Quella, non si capisce come, è acqua che viene dal basso. Nei seminterrati adesso è pericoloso finanche accendere la luce. La stanza dei contatori Enel, dei quadri elettrici, di tutto il palazzo ha qualche centimetro d'acqua a terra, con il rischio di far succedere una vera e propria catastrofe. Fuori dai palazzi, però, non tutto è vigoroso come i grandi pini, al fianco dei palazzi. Oltre al campetto abbandonato e all'erba selvatica che cresce sempre di più senza trovare ostacoli, c'è una sola fermata del pullman. Probabilmente da quando è stata applicata non c'è mai stata manutenzione. La pensilina dove donne, bambini, giovani e studenti aspettano il mezzo di trasporto è completamente avvolta tra le piante. In questo scenario i cittadini già stanno pensando di inviare una lettera al commissario prefettizio del comune di Pozzuoli, Roberto Aragno, proprio per metterlo a conoscenza dei disagi del posto, compiendo al massimo quello che adesso è il suo dovere: amministrare la città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento