menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La vittoria di Cozzolino alle primarie: le reazioni del mondo politico

Iapicca del Pdl: "A Napoli ha vinto il sistema di potere di Bassolino. Napoli merita altro". Il consigliere Marciano: "Risultato netto ed inequivocabile ottenuto grazie ad un'ampia partecipazione e a consensi omogenei in tutte le aree della città"

Numerose le reazioni alla vittoria di Andrea Cozzolino alle primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra. "A Napoli ha vinto il sistema di potere di Bassolino", ha commentato il deputato Maurizio Iapicca del Pdl. "Si dimostra ancora una volta l'incapacità di rinnovarsi della sinistra napoletana ed è contro questo sistema di potere, che è duro a morire, che si scontra la politica di risanamento messa in campo dalle nuove forze di governo a Napoli e a Roma. Adesso tocca a noi attrezzare una proposta che, puntando sulla professionalità e su riconosciute capacità, miri al rinnovamento. Napoli merita altro".

Per il segretario del Psi Riccardo Nencini, invece: "È positivo che a Bologna e a Napoli abbiano vinto i due candidati riformisti, ma le polemiche sulla vittoria di Cozzolino confermano che gli svantaggi del sistema delle primarie superano di gran lunga l'unico vantaggio apprezzabile, quello della mobilitazione del proprio elettorato".

"Se il centrosinistra vuole presentarsi come coalizione - ha specificato Nencini - non può certo pretendere di imporre anche agli alleati un sistema che fino a oggi ha solo in qualche occasione indicato il candidato giusto per raccogliere il maggior numero di consensi nell'elettorato e ha invece quasi sempre messo in gara il miglior perdente a disposizione. Da riformisti convinti continuiamo a rifiutare la logica minoritaria di chi, come Vendola, preferisce una bella sconfitta a una brutta vittoria. E allora o si arriva a una riforma seria delle primarie di coalizione oppure è meglio sottrarsi a questa rincorsa affannosa di qualche candidato leader a vincere non le elezioni, ma la battaglia interna al proprio schieramento".

Per Antonio Marciano, consigliere regionale e coordinatore della segreteria regionale del Partito Democratico: "La vittoria di Andrea Cozzolino alle primarie del centrosinistra a Napoli è un risultato netto ed inequivocabile perché è stato ottenuto grazie ad un'ampia partecipazione e a consensi omogenei in tutte le aree della città, dal centro alle periferie. Questo verdetto è anche la dimostrazione che tutto un gruppo dirigente ha mantenuto un forte legame con la città, ben oltre la presenza e il ruolo nelle istituzioni. Le primarie sono state un fondamentale momento di mobilitazione in cui abbiamo ripreso un dialogo con i cittadini. Si tratta di un valore aggiunto che nelle prossime settimane può diventare decisivo. Adesso dobbiamo lavorare tutti per costruire intorno a Cozzolino una coalizione ampia e forte che ci metta nelle condizioni di vincere la sfida vera, contro il centrodestra, alle amministrative di maggio".

Per Vincenzo Ruggiero, segretario cittadino di Napoli di Italia dei Valori: "Le primarie sono uno straordinario strumento di democrazia. Non vanno però trasformate in una ideologia o peggio ancora da strumento farle diventare il fine ultimo della politica nel centrosinistra. Noi dell'Idv, nei mesi scorsi, abbiamo più volte espresso riserve sullo svolgimento delle primarie a Napoli, ritenendo che non vi fossero le condizioni politiche per una competizione politicamente proficua e sereno. Le polemiche e le accuse pesantissime che vengono adesso mosse dai più strenui difensori delle primarie, rispetto a quanto accaduto ieri, ci sembrano lacrime di coccodrillo. Adesso bisogna decidere cosa fare per il bene della città e per offrire ai cittadini una proposta di candidato a sindaco, di programma e di coalizione forte e coerente. Per il bene del centrosinistra è opportuno riflettere su come proseguire. Sarebbe un bel gesto di responsabilità e di unità se il vincitore delle primarie prendesse atto della profonda divisione che si è prodotta, degli errori commessi, delle nostre riserve, e aprisse ad un nuovo percorso. Dobbiamo tutti insieme trovare la soluzione. Idv è pronta ad andare da sola se lo stato del centrosinistra restasse questo, al di là del verdetto democratico nelle primarie".

Infine, la reazione del vicepresidente del gruppo Pdl al Consiglio comunale, Ciro Signoriello: "Le primarie del centrosinistra per l'individuazione del candidato a prossimo sindaco di Napoli, così come l'esito di esse, sono affari tutti interni a quella parte politica: ma certamente la vittoria del candidato Cozzolino non può non portare a considerazioni significative di tipo politico. L'attenzione si è focalizzata sull'esito delle primarie e sulle voci di possibili brogli in ordine alla vittoria dell'eurodeputato Andrea Cozzolino. Queste frizioni, anzi per meglio dire la vera e propria querelle sorta in seno al centrosinistra e al Pd sul nome del vincitore è, come dicevo, prima materia tutta interna a quelle compagini partitiche. Pur tuttavia, la vittoria di Cozzolino non può sfuggire ad una analisi di tipo diverso: infatti tale esito rivela, in maniera apodittica, come la 'longa manus' bassoliniana imperi ancora imperturbata in città e in regione visto che a spuntarla in queste primarie è stato un suo fedelissimo". "Ciò induce a comprendere, in maniera indubitabile, la 'cifra' del successo di Cozzolino - ha sottolineato - assenza di discontinuità politica, riproposizione, dunque, alla cittadinanza di vecchie, anzi ataviche nomenclature e collaudate logiche. La 'presenza ingombrante' di Antonio Bassolino, il quale, nel corso di tutti questi anni tanti guasti ha prodotto nella città di Napoli, e poi nella regione Campania, lungi dall'essersi dissolta, è quantomai viva ed ora potrebbe avere una più pratica e concreta attuazione attraverso un suo alter ego che, per tutti questi motivi, non può non rappresentare una prosecuzione di quell'aberrante stagione politica, peraltro ancora in itinere in città"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento