Anoressia sessuale: cos'è e come curarla

Cause e rimedi di questa particolare forma di rifiuto che, secondo una recente ricerca, riguarda soprattutto le donne

"Anoressia" è una parola derivata dall'unione di due parole del greco antico: "an"  che significa "no"  e "orexis" che vuol dire appetito. Dal punto di vista comportamentale, l'anoressia implica quindi il rifiuto patologico di qualcosa.

Quando si parla di anoressia generalmente ci si riferisce al rifiuto del cibo. Esiste però anche un altro tipo di anoressia: quella sessuale. Per un anoressico sessuale evitare il sesso - non solo fisicamente, ma anche mentalmente ed emotivamente - diventa un obiettivo totalizzante, che può anche portare al completo isolamento. Per quanto si tratti di un disturbo non ancora codificato dalla "bibbia" degli esperti di psicopatologia, cioè il  "Manuale diagonistico e statistico" dell'American Psychiatric Association, un recente ricerca condotta su circa 4.000 persone ha dimostrato che l'anoressia sessuale è un problema comportamentale, per niente raro, che colpisce di più le donne: quasi il 43% delle donne intervistate ha infatti dichiarato di riconoscersi in una situazione di scarso desiderio ed il 22% ha ammesso di subire stress in relazione al sesso. 

Cause 

Per gli esperti le cause principali dell'anoressia sessuale sono

- carenza di autostima
- presenza di relazioni conflittuali nella coppia
- aver subito in passato una violenza sessuale che ha lasciato un segno psicologico indelebile
- educazione restrittiva ed ansiogena che ha attribuito al sesso l'immagine di una attività potenzialmente pericolosa o socialmente riprovevole

Sintomi

Ecco gli precisi indicatori dell'anoressia sessuale:

- mancanza di interesse verso le attività sessuali
- mancanza di fantasie erotiche
- risposta fredda e distante alle avances sessuali del partner
- scarsa o nulla soddisfazione sessuale quando si ha un rapporto sessuale

Terapia

Superare l'anoressia sessuale è possibile ricorrendo all'aiuto di un terapeuta che, innanzitutto, aiuterà a capire qual è la causa scatenante del rifiuto e, quindi, a superare i fattori di stress in modo da poter intrecciare soddisfacenti relazioni interpersonali 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento