rotate-mobile
Animali

Storia di Giuliano e Liberata

Destinati al macello, a Giuliano in Campania, hanno trovato ospitalità nel rifugio dell'Associazione "Serafino ed i suoi amici", come tanti altri animali salvati dagli attivist* di Animal Save Napoli

Chi non ha mai sogniato una vita migliore o un posto dove sentirsi davvero felici? Ebbene, grazie ad Animal Save Napoli, Giuliano e Liberata, due splendidi esemplari di pollo Broiler, sono riusciti nell'impresa  impossibile di cambiare il loroo destino.

Il pollo Broiler

Il pollo broiler, spiega Animal Save Napoli, è stato letteralmente creato dall’uomo, attraverso modifiche del DNA per rispondere alla crescente domanda di carne bianca, a basso tenore di grassi e calorie.

Allevato in batteria, in spazi notoriamente ristretti, e sottoposto a diete intensive per raggiungere rapidamente - nel giro di un mese, massimo un mese e mezzo - il peso da macello, col passare dei giorni il suo scheletro non riesce più a sostenerne il peso e spesso - spiegano ancora gli attivist* di Animal Save Napoli - la morte arriva per ictus o infarto, altri muoiono per inedia e immobilità o infezioni. Ma a Giuliano e Liberata questa sorte è stata risparmiata.

Il salvataggio

Durante una veglia di protesta presso il macello di Giugliano in Campania, grazie all'apertura al dialogo di uno dei proprietari, è statoo possibile trarre in salvo due polli sui quasi 7000 che vengono macellati quasi tutti i giorni, dicono con amarezza gli attivist* in un cmunicato.

Giuliano e Liberata, spaventati e diffidenti, hanno fatto uno stallo nel giardino di un’attivista, dove hanno recuperato fiducia negli umani e ricevuto tante carezze e coccole in particolare da Dora e Francesco.

Il veterinario degli attivisti ha riscontrato in entrambi evidenti problemi di peso e deambulazione, oltre che una ferita grave alla spalla di Liberata, da cui fuoriusciva l’omero, con infezione avanzata.

Grazie ad una raccolta fondi, Liberata è stata operata e grazie al suo spirito combattivo, ora è fuori pericolo: vivrà con un’ala amputata, ma libera e al sicuro. "Ora si lasciano accarezzare e non tremano più come accadeva prima - spiegano gli attivit* di Animal Save Napoli - Socializzano con gli altri animali presenti, camminano in maniera più naturale. Mostrano una certa indipendenza e intelligenza, oltre che una socialità palpabile. È evidente che non possano essere considerati, come del resto tutti gli animali, dei semplici pezzi di carne. Sono molto di più, sono vite, sono individui".

Una vita nuova

Da ieri, domenica 14 novembre, la coppia Broiler ha trovato sistemazione stabile presso il Rifugio dell’associazione “Serafino ed i suoi Amici”, dove vivranno assieme ad altri animali salvati dal macello: "Potranno beccare il prato, poggiare le zampe sull’erba soffice e camminare con il vento che gli soffia dietro, quasi come se fosse una carezza per tutto ciò che hanno dovuto patire - spiega Animal Save Napoli - Che la loro storia possa essere l’inizio di una rivoluzione culturale, compassionevole e morale, affinché nessun animale sia più visto come cibo.Chi salva una vita salva il Mondo intero".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storia di Giuliano e Liberata

NapoliToday è in caricamento