Alcol, quattro rimedi anti sbornia efficaci (più uno che vi sorprenderà)

Molti dei più diffusi rimedi contro i sintomi della sbornia hanno addirittura effetti controproducenti. Ecco perché e quali sono quelli che funzionano davvero

Un consumo moderato e consapevole - cioè responsabile - di alcol è compatibile con la vita personale e sociale delle persone. Al contrario, bere alcolici in quantità eccessive o berne nel momento, nel posto o per motivazioni sbagliate - gare con gli amici, delusioni, momenti di rabbia o tristezza - significa esporsi a rischi, anche molto gravi, per la salute e la sicurezza propria e degli altri.

Quando bere è sempre un rischio

Il consumo di alcol, anche se moderato, costituisce sempre un rischio per bambini, adolescenti, chi è in terapia farmacologica di un certo tipo, donne incinte e anche per chi subito dopo deve guidare - anche per brevi tragitti - o lavorare a contatto con macchinari o in situazioni che richiedono riflessi pronti.

Qual è la quantità di alcol "giusta" da bere

Non esiste una quantità "giusta" in via generale ed assoluta perché gli effetti dell'alcol sull'organismo dipendono da moltissime variabili: peso, altezza, condizioni di salute, sesso e anche fattori genetici e ambientali. Incidono molto, inoltre, la concentrazione di alcol della bevanda, il momento del consumo (ad esempio durante i pasti o a digiuno) e finanche le modalità con cui si beve (a piccoli sorsi o tutto di un colpo).

In accordo con le indicazioni dell’Organizzazione mondiale per la sanità, viene considerata "moderata" una quantità giornaliera di alcol 

  • uomini: non più di 2-3 Unità Alcoliche
  • donne: non più di 1-2 Unità Alcoliche
  • anziani: non più di 1 Unità Alcolica per l’anziano.

NB: 1 Unità Alcolica (U.A.) corrisponde a circa 12 grammi di etanolo cioè al contenuto di

  • un bicchiere piccolo (125 ml) di vino a media gradazione,
  • una lattina o bottiglia di birra (330 ml) di media gradazione 
  • 40 ml di superalcolico.

Attenzione: bambini e adolescenti non devono bere affatto.

Cos'è la sbornia

Il termine “sbornia” indica una vera e propria intossicazione da alcolici, cioè un accumulo di alcol nel sangue superiore a quello che il fegato è in grado di metabolizzare. Solitamente si presenta tra le 8 e le 12 ore dopo l’ultimo bicchiere.

Tra i sintomi più comuni ci sono nausea e vomito, malessere generale, stanchezza estrema, confusione mentale, agitazione, cervicalgia, testa pesante, cefalea, disturbi del linguaggio, disturbi dell'equilibrio, acidità gastrica e disidratazione. L'alcol ingerito infatti viene assorbito attraverso l'apparato digerente ed entra nel sangue, attraverso cui si diffonde in tutto l'organismo, cervello compreso, e per metabolizzarlo ed espellerlo dall'organismo è necessario il lavoro di fegatoreni e anche di polmoni e pelle 

I rimedi anti-sbornia più sbagliati

Tra i rimedi "fai-da-te” più diffusi molti sono completamente inutili, altri invece producono addirittura l'effetto opposto, aggravando la situazione e finanche causando seri danni a lungo termine come

  1. bevi alcool quando ti svegli: è pura follia, dal momento che significa aumentare ulteriormente la concentrazione di alcol nel sangue. Solo uno sprovveduto credulone può cascarci!
  2. bevi un cocktail di coca cola, caffè e succo di limone: ritenuto valido contro il mal di testa, in realtà lo aumenta perché irrita fortemente la già provata mucosa dello stomaco, stimolando una sovrapproduzione di succhi gastrici;
  3. prendi un antidolorifico (FANS): possono ulteriormente appesantire il fegato e, soprattutto, interagire con lo stomaco già irritato dall'alcol con conseguenze anche gravi
  4. bevi caffè e bevande nervine: favoriscono la produzione di succhi gastrici e dunque l'irritazione dello stomaco

Ecco allora come rimediare ai sintomi della sbornia.

I migliori rimedi anti-sbornia

1) Bevi molta acqua Metodo tanto antico quanto affidabile: l’alcol comporta disidratazione, tra le cause principali del terrificante mal di testa legato alla sbornia. Bere molto aiuta inoltre ad espellere l’etanolo attraverso urine e sudore. Anche i frullati a base di latte sono una buona soluzione, perché reintegrano acqua e sali minerali e accelerano la depurazione dell'organismo.

Il consiglio in più: per non avere un'aria da zombie, metti qualche fetta di cetriolo sugli occhi e lascia agire per una decina di minuti.  

2) Fa' colazione L’eccesso di alcol manda in tilt il sistema metabolico, riducendo i livelli di glucosio e di vitamina B (utilizzata nel processo di metabolizzazione dell'alcol) e appesantisce stomaco e fegato: latte, meglio se parzialmente scremato, una banana e una o due fette di pane con un velo di marmellata contribuiranno a ripristinare l'equilibrio

3) Sì a tisane, infusi e integratori Nella giusta quantità, senza strafare, tisane e infusi depurativi aiutano a reidratare, favoriscono la depurazione, riducono i succhi gastrici in eccesso. Tra i più indicati:

  • tisana di finocchio, zenzero, melissa e camomilla: reidrata e riduce la nausea.
  • infuso di Pueraria montana lobata (pianta originaria del Giappone) e/o di Pyrus pyrifolia ( un frutto che arriva dalla Cina): facilita la riduzione dei livelli di alcool nell'organismo;
  • estratto di fico d’India: riduce i sintomi dell’infiammazione gastrica;  
  • estratto di carciofo e cardo mariano: favorisce depurazione e diuresi. Carciofo e cardo mariano sono utilizzati anche per le "sober up pills", letteralmente "pillole per far passare la sbornia", integratori alimentari acquistabili in farmacia o in erboristeria.

4) Muoviti Per quanto difficile, una leggera attività fisica è d'aiuto: rimette in moto l’organismo e aiuta l’ossigenazione del sangue. Una passeggiata rilassante, nelle ore più fresche della giornata, aiuterà a sentirsi meglio. Da evitare invece nelle ore successive alla sbornia l'attività sportiva vera e propria: l'alcol causa ipoglicemia ed inibisce la gluconeogenesi.

5) Non bere U.A. superiori a quelle indicate dall'OMS: è l'unico rimedio anti-sbornia davvero efficace! 

Se i sintomi sono particolarmente forti, non esitare a chiedere aiuto: solo il personale medico sa qual è il trattamento più indicato ed efficace in relazione alla gravità del caso e solo il loro intervento tempestivo servirà a impedire il peggio   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento