rotate-mobile

Centro giovanile, degrado e associazioni sfrattate. Il Comune: "Presto il nuovo bando" |VIDEO

Soffitti crollati, muffa alle pareti, cavi elettrici scoperti: questa è la condizione dei locali del polifunzionale di Soccavo. Clemente: "In un anno e mezzo distrutto un patrimonio"

Soffitti crollati, allagamenti, cavi elettrici scoperti, muffa alle pareti. Entrando nel Centro polifunzionale di Soccavo e, in particolare, negli spazi del Centro giovani Nagioia si ha l'impressione di un luogo abbandonato da anni. A onor del vero, una parte di questo enorme spazio in via Adriano funziona ancora oggi, ma ci sono anche aree utilizzate come discarica e senza i più basilari principi di sicurezza. Qualche settimana fa è stato visitato anche dal ministro dello Sport Abodi al quale, però, è stata mostrata solo la sezione funzionante.

Associazioni sfrattate

Diverse associazioni sono state sfrattate dal Comune di Napoli per far posto a un nuovo bando, che non è mai arrivato. Tra queste, c'è l'associazione Stelle in strada, che oltre a distribuire pasti ai senza fissa dimora, organizzava in questo locale spese solidali per famiglie bisognose. Il locale è vuoto da un anno e cade a pezzi. "Nel 2021 - racconta il responsabile Roberto Milano - chiedemmo al Comune un luogo per stoccare le donazioni con le quali confezionavamo le spese solidali. Ci hanno affidato questo spazio con un'istanza (NapoliToday è in possesso di questo documento). Poi, con il passaggio da de Magistris a Manfredi le cose sono cambiate. Dall'inizio del 2022 ci hanno chiesto di lasciare libero il locale per un nuovo piano di attività. Ho parlato sia con l'assessore ai Giovani Chiara Marciani che con quello alle Politiche sociali Luca Trapanese, ma mi hanno detto che non trovavano nessun documento che attestasse l'assegnazione. Questo è falso". 

In dodici mesi, il degrado ha preso il sopravvento, come dimostrano le parti di tetto mancanti e la muffa sulle pareti. Roberto Milano non trattiene le lacrime: "Mi piange il cuore a vedere gli scaffali vuoti. Se il Comune avesse organizzato qui altre attività lo avrei accettato, ma cacciarci per lasciare questa stanza vuota non ha nessun senso". 

Anche la Mety Academy di Paola Cigliano ha dovuto abbandonare il centro giovanile ed è in attesa di partecipare al nuovo bando. Anche i suoi ex locali sono abbandonati e inutilizzati: "Ci occupiamo di formazione gratuita a giovani e meno giovani. Organizzavamo qui corsi di tutti i tipi, accessibili a tutti. Nel 2018 abbiamo partecipato a un bando e abbiamo ottenuto questo spazio. Nel 2022, la nuova Amministrazione ci comunica che i termini sono scaduti e dobbiamo lasciare i locali e che a breve sarebbe stato pubblicato un nuovo bando. E' passato un anno e il bando non c'è ancora, mentre i locali sono vuoti e abbandonati". 

L'ex assessore

A chiedere conto dell'operato del Comune è chi di queste assegnazioni fu artefice durante gli anni di de Magistris. Alessandra Clemente oggi è consigliera comunale di opposizione, ma per anni è stata assessore ai Giovani e al Patrimonio: "In un anno e mezzo hanno devastato un'esperienza eccezionale e sfrattato una ventina di associazioni. Il Centro Nagioia era un luogo vivo e aperto, adesso cade a pezzi. Le associazioni sono state anche un po' truffate. E' stato promesso loro un bando che, in 18 mesi, non è stato ancora pubblicato. Inoltre, chi paga i danni del degrado? Non sta scritto da nessuna parte che il bando nuovo doveva essere realizzato con i locali vuoti. Si poteva consentire alle associazioni di proseguire fino alle nuove assegnazioni. Attività del genere in una zona come Rione Traiano sono preziose. Qualcuno dovrà chiedere scusa per tutto questo". 

La replica del Comune

Raggiunta al telefono da NapoliToday, l'assessore Chiara Marciani assicura che la soluzione per il Centro giovanile di Soccavo è pronta: "Il bando sarà pubblicato a metà aprile. C'è voluto più tempo per sistemare una serie di intoppi burocratici. Vogliamo che diventi un polo per attività sociali". Sullo sfratto delle associazioni, l'assessore chiarisce: "Non abbiamo cacciato nessuno, alcune continuano a lavorare. Chi è andato via è perché non aveva i titoli, o perché era scaduta l'assegnazione e non ha fatto richiesta di proroga trimestrale, come previsto dal regolamento". 

Una versione questa che sia Stelle in strada che Mety Academy rigettano: "Ho scritto ripetutamente al Comune senza avere risposte in merito - afferma Roberto Milano - Se questo spazio non è disponibile, ci indicassero un altro luogo per proseguire la nostra attività che, ricordo, non muove soldi ma solo donazioni". Paola Cigliano aggiunge: "Ho restituito le chiavi dopo che l'Amministrazione ha ignorato tutte le mail che ho inviato". 

Resta il tema del degrado: "Valuteremo tutti gli interventi da realizzare e renderemo gli spazi idonei per le attività giovanili" assicura la Marciani. Ammesso che il bando venga davvero pubblicato nel mese di aprile, ci vorranno ancora mesi prima che il Centro di Soccavo torni attivo. 

Video popolari

Centro giovanile, degrado e associazioni sfrattate. Il Comune: "Presto il nuovo bando" |VIDEO

NapoliToday è in caricamento