Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le "Sensazioni d'amore" di Adriano Pantaleo

L'attore diventa regista con un corto. Il trailer

 

E' online la nuova piattaforma streaming MYRELOAD, ideata da ShorTS International Film Festival e Sedicicorto Forlì International Film Festival in collaborazione con MYmovies, dedicata ai migliori corti del panorama nazionale e internazionale, tra titoli italiani e opere in corsa agli Oscar 2021.

Tra gli oltre 50 titoli disponibili on demand, anche il cortometraggio “Sensazioni d’amore”, esordio alla regia dell’attore napoletano Adriano Pantaleo, che interpreta un giovane cantante neomelodico.

Prodotto da Pierpaolo Verga per O’Groove e da TerraNera, giovane casa di produzione che si è già aggiudicata due Nastri d’Argento, il cortometraggio nasce da un racconto breve di Marco Marsullo, autore della sceneggiatura insieme ad Adriano Pantaleo, che prende ispirazione dal fenomeno dei cantanti neomelodici.

La storia

Al centro della vicenda Marco Marsù (interpretato dallo stesso Pantaleo), un giovane cantante neomelodico napoletano che viene ingaggiato per la festa del diciottesimo compleanno di Annarita Milonga. A conferirgli l'incarico è Geggè, il padre della festeggiata, che vuole regalare alla figlia una giornata indimenticabile. Ma Geggè è anche un uomo di strada, un criminale, il capo di uno spietato clan camorristico. La festa di compleanno di Annarita Milonga si trasforma, per il giovane cantante, in un sequestro in piena regola.

I riconoscimenti

Il cortometraggio si è aggiudicato numerosi riconoscimenti, tra cui il premio per la miglior produzione ai David di Donatello.

Adriano Nato a Napoli nel 1983, Adriano Pantaleo ha debuttato al cinema nel 1991 quando, a soli sette anni, Lina Wertmüller lo scelse come uno dei protagonisti del film, diventato poi un cult, "Io speriamo che me la cavo".

Nel 2006 si è laureato presso L’università di Roma “La Sapienza” in Scienze Umanistiche con indirizzo spettacolo con la votazione di 110 e lode. Nel suo percorso ha collaborato con artisti come Paolo Villaggio, Massimo Dapporto, Mario Scaccia, Pierfrancesco Favino, Arnoldo Foà e con registi del calibro di Lina Wertmüller, Castellano e Pipolo.  Recentemente è stato protagonista di “Natale in casa Cupiello” al fianco di Sergio Castellitto, adattamento televisivo di Edoardo De Angelis dell’omonimo capolavoro teatrale di Eduardo De Filippo.

Adriano Pantaleo è, inoltre, uno dei fondatori di NEST (Napoli Est Teatro), dove cura la direzione artistica dal 2013, ed è socio della casa di produzione TerraNera.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento