Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccini, tanti rifiuti per AstraZeneca: code di 3 ore alla Mostra d'Oltremare

Lunghe file per accedere al Centro vaccinale. Tra il 20 e il 30 per cento dei convocati rifiuta la somministrazione. Gli utenti: "Assurdo far attendere così a lungo persone anziane". L'Asl: "Nessun problema organizzativo, i cittadini vogliono il Pfizer e rallentano le operazioni"

 

Caos Astrazeneca a Napoli. Dopo la notizia di ulteriori valutazioni in corso sul discusso vaccino anglo-svedese, sono centinaia i cittadini che rifiutano la somministrazione e, giunti al centro vaccinale, chiedono il Pfizer. Il risultato è il rallentamento delle operazioni e l'allungamento delle code che, alla Mostra d'Oltremare, hanno raggiunto anche le tre ore. Alla fine della giornata, il dato ufficioso è che un numero di persone, tra il 20 e il 30 per cento, ha rifiutato la vaccinazione. Significa che tra i 600 e i 900 utenti sono tornati a casa senza la somministrazione. 

"Io ho patologie gravi e Astrazeneca non lo voglio" urla una signora in coda. "E' una grossa incognita, sono molto preoccupato" gli fa eco un uomo a pochi metri di distanza. Ma oltre alla paura per gli effetti collaterali, sono molte le lamentele per i tempi lunghi. Soprattutto perché in attesa ci sono persone vicine agli 80 anni, con difficoltà di deambulazione e con handicap gravi. "Assurdo far attendere 2-3 ore a una donna di 78 anni" afferma un cittadino che ha accompagnato la madre. 

L'Asl Napoli 1 Centro di difende: "Le code non si sono determinate a causa di problemi organizzativi - spiega Marco Papa, Supervisore attività vaccinali dell'Azienda - Oggi sono attivi ben 27 box per i 3mila convocati. I problemi sono nati perchè dopo le ultime notizie di stampa su Astrazeneca molte persone hanno portato i certificati di patologie chiedendo un altro vaccino. I nostri medici hanno dovuto valutare i documenti e se mediamente un utente resta nel box per 3 minuti, oggi ci sono stati casi in cui sono stati necessari oltre 15 minuti". 

A dire il vero, le notizie poco confortanti su Astrazeneca non arrivano dai giornali. Diversi Paesi europei, come la Germania, lo hanno sospeso; l'Ema ha annunciato ulteriori valutazioni; lo stesso vice-ministro Sileri ha anticipato che nei prossimi giorni potrebbero essere escluse altre fasce di popolazione. Di fronte a questo quadro, la preoccupazione delle persone se non legittima è, quantomeno, comprensibile. Allora perché non sospendere per qualche giorno? Marco Papa risponde secco: "Noi seguiamo le direttive del Governo e di Aifa". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento