Domenica, 14 Luglio 2024

Otto anni senza Genny Cesarano, il papà: "Lo Stato si faccia sentire"

Commemorazione del giovane ucciso il 6 settembre 2015, presenti anche i genitori di Annalisa Durante e Fabio De Pandi, anche loro vittime innocenti della camorra

Sono passati otto anni da quando, il 6 settembre 2015, Genny Cesarano veniva ucciso per errore dalla camorra. Per onorare la memoria del 17enne, la fondazione Polis ha organizzato un incontro di commemorazione a cui hanno preso parte oltre al papà di Genny, Antonio Cesarano, anche Giannino durante e Gaetano De Pandi, genitori di Annalisa e Fabio, anche loro vittime della camorra. La prima fu uccisa a 14 anni il 27 marzo 2004, il secondo a 11 anni il 21 luglio 1991. 

Dopo la celebrazione eucaristica, Antonio, Giannino e Gaetano hanno portato le loro testimonianze e si sono confrontati con i rappresentanti istituzionali presenti: Mario Morcone, assessore alla Legalità della Regione Campania, don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Pol.i.s., Gaetano Manfredi, sindaco di Napoli, Fabio Greco, presidente della Terza Municipalità di Napoli, Emanuela Perillo, referente del Presidio Libera Centro Storico dedicato alla memoria di Genny Cesarano e Ciro Colonna, Bruno Vallefuoco del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità ed esponente di Libera Memoria, don Luigi Calemme, parroco di Santa Maria della Sanità.

Video popolari

NapoliToday è in caricamento