Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occupazione al Vico: "Non è questa la scuola sicura che vogliamo"

Gli studenti: "Libereremo il liceo per il rientro del 1 febbraio, ma vogliamo che ci si renda conto che tutto quello che andava fatto in termini di edilizia, sanità e trasporti non è stato realizzato"

 

Dopo il liceo Labriola è toccato al Vico essere occupato dagli studenti. Una cinquantina di ragazzi sono asserragliati nell'istituto di via Salvator Rosa, a Napoli. Il motivo della loro protesta è chiaro: "Abbiamo chiesto la ripresa delle lezioni in presenza, ma avevamo anche chiesto che ciò avvenisse in sicurezza. Invece, tutto quello che doveva essere fatto per l'edilizia scolastica, per i trasporti e per la salute non è stato realizzato".

A parlare e Gabriele Gullo, rappresentante degli studenti, il quale assicura che il rientro a scuola del 1 febbraio non è a rischio: "Libereremo l'edificio per consentire la ripresa, ma vogliamo che vengano ascoltate le nostre richieste, a partire da un presidio sanitario permanente all'esterno di ogni istituto. In queste condizioni, tornare in classe avrà gli stessi problemi di settembre e dopo pochi giorni verrà di nuovo chiuso tutto". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento