Vomero

Vomero, piazza Vanvitelli: un lampione senza un braccio. Inoltre globi sporchi, coperti da escrementi e da erbacce

Una piazza che, per la sua bellezza architettonica, ha rappresentato, sin dalla nascita, il cuore pulsante del quartiere collinare e che, benché priva da alcuni anni a questa parte, nell'aiuola centrale, della storica palma secolare, morta a seguito dell’attacco del punteruolo rosso e poi sostituita con un’altra essenza arborea, mantiene in gran parte il fascino dello stile neorinascimentale della fine del 1800, quando la Banca Tiberina realizzò le principali strade e piazze del nuovo quartiere, tutte dedicate ad importanti artisti che avevano lavorato anche a Napoli

“ Ancora una volta alla ribalta delle cronache è lo stato di abbandono nel quale versa una delle più belle piazze di Napoli, piazza Vanvitelli – sottolinea Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Una piazza che, per la sua bellezza architettonica, ha rappresentato, sin dalla nascita, il cuore pulsante del quartiere collinare e che, benché priva da alcuni anni a questa parte, nell'aiuola centrale, della storica palma secolare, morta a seguito dell’attacco del punteruolo rosso e poi sostituita con un’altra essenza arborea, mantiene in gran parte il fascino dello stile neorinascimentale della fine del 1800, quando la Banca Tiberina realizzò le principali strade e piazze del nuovo quartiere, tutte dedicate ad importanti artisti che avevano lavorato anche a Napoli “.

            “ In particolare il degrado riguarda i pali della pubblica illuminazione a ragione della palese mancanza di idonea quanto costante manutenzione –  prosegue Capodanno -. Si tratta di pali a tre luci che sostituirono quelli precedenti a conclusione dei lunghi lavori per la realizzazione della stazione del metrò collinare, lavori durati dal 1980 al 1993 e che sconvolsero, in gran parte, l’assetto dell'antica piazza “.

            “ Difatti i globi luminosi sono coperti da escrementi, principalmente di piccioni, che popolano in gran numero la piazza – puntualizza Capodanno -. L’evidente carenza di manutenzione ha poi portato addirittura alla crescita di erbacce alla base di alcuni globi, erbacce che si prolungano a forma di barba, facendo brutta mostra di sé “.

            " In particolare poi - sottolinea Capodanno - al palo che si trova all'angolo con via Bernini nei pressi dell'edicola dei fiori, da tempo è stato asportato uno dei tre bracci con tutto il globo luminoso, a seguito pare di un corto circuito che ne comportò la rimozione,  senza che a tutt'oggi sia stato ripristinato ".

            “ Un degrado e un abbandono che ci auguriamo vengano al più presto rimossi – conclude Capodanno – , e per eliminare i quali, ancora una volta, chiediamo all’amministrazione comunale partenopea di sollecitare, in tempi rapidi, la ditta incaricata ad attivarsi immediatamente, mettendo in atto tutti gli interventi manutentivi necessari “.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento