rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024

Tasse, parte la riscossione: "Un miliardo di euro in 10 anni"

Il Comune di Napoli avvia la partnership con una società esterna per individuare morosi e nuovi contribuenti

Un miliardo di euro in dieci anni. E' questo il traguardo per cui nasce Napoli Obiettivo Valore, la società che si occuperà della riscossione delle tasse per il Comune di Napoli. Operativa dal 1 maggio, questo nuovo soggetto, presieduto dal direttore dello Svimez Luca Bianchi, utilizzerà i mesi restanti del 2023 per uno screening accurato dei morosi e per l'individuazione di nuovi contribuenti, mai iscritti nei registri di Palazzo San Giacomo. 

"Napoli è una delle città dove la riscossione delle tasse è più difficoltosa - ha commentato il sindaco Gaetano Manfredi - La voce con il maggior tasso di evasione sono le multe, seguite dalla tassa sui rifiuti. Il più grave problema è che non esiste una banca dati dei contribuenti. Molte persone e molte società sono sconosciute, neanche gli viene chiesto di pagare le tasse". 

Gli ha fatto eco l'assessore al Bilancio e al Patrimonio Pierpaolo Baretta: "Napoli ha 2,2 miliardi di euro di mancate entrate, che corrispondono al disavanzo. Questa operazione non è fine a se stessa, ma ha l'obiettivo di avere risorse per migliorare i servizi della città e la manutenzione". 

Napoli Obiettivo Valore investirà 13 milioni di euro, principalmente in dotazione tecnologica che consentirà di individuare le morosità con mezzi informatici. A fronte di questo budget, il contratto con il Comune prevede una percentuale su ogni balzello riscosso. Non è ancora ben chiaro con quali mezzi verranno riscosse le tasse non pagate, né se le morosità si trasformeranno in cartelle esattoriali, come accadeva con Equitalia. Il Comune assicura che non ci sarà atteggiamento vessatorio: "Sappiamo che Napoli vive contraddizioni particolari - ha affermato Barretta - I pagamenti verranno pianificati in base al reddito. Ogni cittadino pagherà quello che può". 

Da un punto di vista logistico, verrà creata una partnership con 600 tabaccherie spalmate sul territorio cittadino che fungeranno da sportello; Napoli Obiettivo Valore assicura che il call center dedicato non sottoporrà gli utenti ad attese superiori ai 5 minuti, mentre undici uffici aperti ai contribuenti verranno aperti nella sede centrale della società e nelle dieci Municipalità. 

La riscossione, oggi, è ferma al 40 per cento. La road map prevede un incremento annuo di 70 milioni di euro, mentre dal 2025 si punta alla riscossione dell'intero credito del Comune, per arrivare al 2033 con un miliardo di euro riscossi e la fine della partnership. L'Amministrazione Manfredi prosegue la linea del rapporto pubblico/privato. Esattamente un anno fa, l'accordo con Invimit per la messa a reddito del patrimonio immobiliare di proprietà comunale. Un patto che in dodici mesi non ha prodotto risultati sensibili, se non la liberazione di alcuni spazi, rimasti ancora inutilizzati: "La partenza è sempre lente - il commento di Baretta - Per adesso abbiamo affidato a Invimit 600 immobile. La parte complicata è l'alienazione dei beni, ma dal prossimo anno ci sarà l'accelerazione". 

Video popolari

NapoliToday è in caricamento