rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

De Luca: "Dal Governo scelte demenziali. Si sta consumando un delitto sulla pelle del Mezzogiorno"

Il Governatore all'Assemblea elettiva Coldiretti non risparmia strali e mette in guardia dagli ulteriori contraccolpi economici per le famiglie

La Coldiretti della Campania, con i suoi nuovi vertici rappresentativi, appena eletti, ha voluto rilanciare con forza il confronto per gettare le basi di una forte sinergia con le istituzioni e il mondo dell'Università. Invito accolto dal presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca, cui sono state affidate le conclusioni dell'incontro tenuto nell'Aula Magna della Federico II di Napoli, in via Partenope, cui hanno preso parte tra gli altri il rettore e padrone di casa Matteo Lorito, l'assessore regionale all'agricoltura Nicola Caputo, l'assessore comunale alle attività produttive Chiara Marciani e i responsabili Coldiretti regionali Ettore Bellelli, neoeletto presidente e Salvatore Loffreda, direttore, e i vari vertici delle 5 province della Campania.

Sulle questioni più rilevanti per la categoria, tra cui l'aumento dei costi del settore agro-alimentare che non risparmiano i consumatori finali, De Luca non ha risparmiato stilettate al Governo Meloni: "La scelta di centralizzare ulteriormente e di aggiungere burocratismo a burocratismo sta consumando un delitto sulla pelle del Mezzogiorno" ha detto riferendosi alle modalità di gestione di fondi e politiche. "Come avete avuto modo di vedere in questi mesi - ha sottolineato il Governatore - l'unico comparto del consumo che ha avuto una crescita enorme in termini di costi è quello agroalimentare. Su tutto il resto, bene o male, c'è un minimo di contenimento, ma il prezzo del carrello della spesa è arrivato a livelli esorbitanti".

Le richieste di Coldiretti

" Chiediamo alla politica di affrontare in maniera concreta alcune questioni fondamentali - ha detto il neoeletto presidente regionale di Coldiretti Ettore Bellelli - ad iniziare dalla questione della crescita dei costi di produzione, legata al mantenimento costante del prezzo di vendita dei nostri prodotti o addirittura al suo ribasso. Chiediamo che alle nostre aziende sia data la possibilità di strutturarsi meglio per affrontare le sfide del futuro".

"Tra i nostri obiettivi, come forza sociale - ha detto Salvatore Loffreda, direttore generale Coldiretti Campania - c'è la volontà di creare un rapporto tra mondo agricolo e Università, che costituisce il presupposto fondamentale per garantire il rilancio all'agricoltura campana".

La presidente di Coldiretti di Napoli, Valentina Stinga, presente ai lavori con la sua neonata di poco più di un mese, ha sottolineato proprio la necessità di una forte sinergia tra mondo agricolo e universitario per rilanciare il comparto e consentire alle aree che soffrono gli svantaggi della carenza di infrastrutture e servizi di restare competitive.

Video popolari

NapoliToday è in caricamento