Vomero

FNAC Vomero, un mesto addio con le saracinesche abbassate

Ma continua l’impegno per salvare lo spazio del forum ed il reparto editoriale

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari che si sta adoperando nel tentativo di salvare il forum e il reparto editoriale di FNAC, anche con una petizione online, annuncia che intensificherà il suo impegno al riguardo pure in questi giorni e fino al 31 maggio prossimo, periodo durante il quale il megastore rimarrà chiuso per la riorganizzazione e l’inventario, al fine di consentire al nuovo gestore di riaprire il 1° giugno prossimo.

            “ Non ritengo del tutto chiusa la questione – afferma Capodanno -. Sembra che ci sia interesse da parte di aziende del settore a rilevare sia il settore editoriale che lo spazio forum, anche alla luce del successo riscosso nei dieci anni di permanenza dello spazio dedicato alla vendita di libri, CD e DVD. Chiedo solo che si facciano subito avanti accelerando i tempi, vista l’imminenza della riapertura con il nuovo gestore. Inoltre auspico che scendano in campo anche le istituzioni per favorire il salvataggio di questi spazi culturali ed associativi fondamentali per il quartiere collinare “.

            “ Stamani – continua Capodanno – ho avuto un tuffo al cuore passando dinanzi alle saracinesche chiuse in via Luca Giordano. Per quando ricordi, in dieci anni di vita, questo evento non si era mai verificato. Anzi FNAC è stato sempre l’unico esercizio aperto tutti i giorni, anche nei festivi, fino alle 21 di sera e con orario continuativo. Quel tratto di strada da stasera sarà mestamente buio, rendendo ancora più evidente la lenta ma inesorabile agonia di un quartiere che oltre a depauperarsi di aziende storiche che si tramandavano di generazione in generazione, sta a poco a poco perdendo gli spazi culturali e le librerie che un tempo costituivano il fiore all’occhiello del Vomero “.

            “ Purtroppo le responsabilità sono anche della regione Campania – stigmatizza Capodanno -. Una delle poche che non ha ancora varato una legislazione tesa alla tutela degli esercizi commerciali ed artigianali storici. Di una legge del genere non avrebbe certamente potuto fruire FNAC, ma avrebbe consentito di salvare la libreria Guida Merliani, scomparsa dopo 40 anni di attività, in uno a tanti altri esercizi presenti da molti lustri e che in questo scorcio di secolo, sono stati costretti a chiudere, sia a ragione dell’aumento delle spese sia per la crisi, peraltro alimentata anche dalle carenze nei settori dei trasporti e della viabilità, con la creazione di isole pedonali, senza la costruzione di una dotazione minima di parcheggi pubblici da destinare ai potenziali acquirenti provenienti anche dall’hinterland partenopeo “.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FNAC Vomero chiuso-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Musica napoletana in lutto, si è spento Luciano Rondinella

Torna su
NapoliToday è in caricamento