Convegno sul futuro dell'Europa, Mattarella a Palazzo Reale

Accolto da De Luca e de Magistris. Ad organizzarlo la Federazione nazionale Cavalieri del Lavoro

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è arrivato a Palazzo Reale per partecipare al convegno in corso nel teatrino di corte sul tema 'Europa: radici ragioni futuro'. Ad organizzarlo la Federazione nazionale Cavalieri del Lavoro. Mattarella è stato accolto dal prefetto Carmela Pagano, da Luigi de Magistris, da Vincenzo De Luca e dal ministro per gli Affari Europei, Enzo Amendola. Da segnalare gli interventi del presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick e del presidente dell'Abi, Antonio Patuelli.

Riforme

"Ci sono riforme fondamentali e indispensabili da fare affinchè l'Italia possa riprendere a crescere e possa anche recuperare autorevolezza e credibilità in Europa", sono le parole del presidente della Federazione dei Cavalieri del lavoro Antonio D'Amato. "Non c'e' contraddizione tra sviluppo economico ed economia sostenibile. Anzi, salvare il pianeta ed essere dal punto di vista ambientale sostenibili, è una necessità di tutti ed è imprescindibile", ha poi proseguito.

Nuova Europa

"Le imprese napoletane devono avere un ruolo fondamentale nella nuova Europa", così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine di un convegno dei cavalieri del lavoro. "La nuova Europa - ha aggiunto - deve superare le rigidità degli ultimi anni, i vincoli, l'asfissia e deve avere la capacità di creare giustizia sociale. Dai cittadini ai governi nazionali tutti devono spingere per un'Europa forte con maggiore uguaglianza e giustizia sociale, che metta in campo un piano di investimenti  che possa coniugare impresa, industria, lavoro, tutela e difesa dell'ambiente e che metta al centro l'umanità ovvero che tuteli le persone, che sappia affrontare diversamente il rapporto con Africa e Medioriente". "Un'Europa - prosegue de Magistris - amica di altri continenti ma mai più subalterna. E che un giorno si possa realizzare il sogno di Ernesto Rossi e Arturo Spinelli, cioè un'Europa forte unita dalle diversità dal Portogallo alla Russia. Insomma un'Europa forte con un volto umano, che deve avere una politica di difesa e politica estera che ora non ha. L'Europa è ancora a forte trazione franco-tedesca e l'Italia deve svolgere un ruolo importante e avere le idee chiare e l'autorevolezza per capire fino in fondo che Europa vuole costruire".
 

DE MAGISTRIS SUL FUTURO DELL'EUROPA

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

  • Un Posto al Sole, anticipazioni: pesanti le accuse per Diego

  • Raffica di controlli al Rione Sanità: centinaia di persone identificate

Torna su
NapoliToday è in caricamento