Vico Equense, 200 chef per "Repubblica Cibo"

Dal 2 al 5 giugno si celebrerà a Vico Equense la nona edizione di "Festa a Vico". Il tema è l'identità nazionale della nuova cucina: 200 chef prepareranno piatti il cui ricavato andrà in beneficenza

La locandina

Arriveranno da tutt'Italia ma anche dall'estero i 200 chef che il 2 giugno prendereanno parte alla kermesse "Festa a Vico". E visto che domenica 2 giugno è festa nazionale, per celebrare la ricorrenza, l'evento di Vico Equense giunto alla nona edizione cambia format e chiede agli chef giovani ed emergenti di dare vita a una cucina diffusa sul territorio istituendo la "Repubblica del Cibo". I giovani cuochi prepareranno piatti negli esercizi commerciali del centro di Vico. Tutti potranno assaggiarli acquistando un gettone: l'incasso sarà devoluto alle associazioni onlus aderenti all'iniziativa.

Il giorno dopo, lunedì 3 giugno, il programma prevede un percorso gustativo combinato con il concerto del maestro Nicola Piovani. Anche in questo caso il ricavato sarà devoluto in beneficenza. Quest'anno il tema della "Festa a Vico" è "Tu vuo' fa l'americano ma sei made in Italy", a sottolineare la ricerca di territorio e di identità nazionale della nuova cucina italiana.

Raffinati piatti gourmet trasformeranno, dalle 20:30, il centro di Vico Equense in un grande temporary restaurant, grazie agli esercizi commerciali di corso Umberto I, via Roma e via Nicotera. Pasta, riso, baccalà, pollo, hot dog sono alcuni degli ingredienti dei piatti che verranno presentati nel corso della manifestazione. "Festa a Vico" si svolgerà dal 2 al 5 giugno e accanto ai grandi chef ci saranno i pizzaioli più rappresentativi del panorama campano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento