Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

C'è Matteo Salvini, Cavalleggeri blindata: "A questa città pensino i napoletani"

 

E' durata poco più di 30 minuti la visita dell'ex Ministro dell'Interno Matteo Salvini al centro Giffas (Riabilitazione Neuropsicomotoria per disabili) di Cavalleggeri. In precedenza Salvini era atteso nella succursale bagnolese del centro, dove difatti era montata la protesta dei Laboratorio politico Iskra. 

Salvini, cambio di programma

Ad attenderlo a Cavalleggeri, invece, c'era un gruppo di giovani disabili dell'associazione 'Tutti a scuola', presieduta da Toni Nocchetti. L'associazione si batte per un accesso facilitato all'istruzione per tutti i disabili e a Salvini il presidente Nocchetti avrebbe voluto chiedere spiegazioni su alcuni ritardi normativi e "discriminazioni territoriali nell'erogazione dei fondi". Ma al gruppo è stato impedito l'accesso dal cordone di polizia schierato a difesa del centro in cui l'ex ministro si recava: il Giffas, appunto.

"Per tornare a votare sosterrei anche i Fantastici 4"

Matteo Salvini ha ribadito che sarebbe stato disponibile a incontrare tutti, ché "è assurdo questo dispiegamento di forze ogni volta che arrivo a Napoli". "Qualcuno ha minacciato il titolare del centro", ha detto l'ex Ministro. Il presidente del Centro Giffas, Armando Profili, conferma di aver ricevuto "messaggi di disapprovazione" dopo aver comunicato la scelta dell'ex Ministro di visitare il centro di riabilitazione.

Il leader della Lega ha visitato il centro e ha poi parlato ai giornalisti delle imminenti elezioni regionali: "Scegliamo la squadra migliore", ha detto Salvini. "Se dovessimo imporre gli egoismi di partito direi: chi è che ha il 30%? Allora potrei imporre e disporre, invece ,scegliamo con umiltà la squadra", ha concluso l'ex ministro prima di partire per Potenza. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento