Salvini al Giffas: "A Napoli devono pensarci i napoletani"

Leader leghista in visita al Giffas. Polemiche e proteste per il contrasto tra le sue politiche e la storia del posto. "Peccato debba arrivare qui tra le camionette della polizia"

Foto di Davide Schiavon

Blindati della polizia, decine e decine di attivisti. È lo scenario che attendeva Matteo Salvini in piazza Bagnoli, dove il segretario della Lega si sarebbe dovuto recare stamane in visita. Il leghista era atteso dalle 9.30 al Giffas, "Gruppo Italsider Famiglie Fanciulli e Adulti Speciali", un centro di riabilitazione di via Coroglio, poi intorno alle 9 si è venuto a sapere che il suo arrivo era stato dirottato presso una seconda dell'istituto, quella di via Crispo a Cavalleggeri.

Salvini tra Bagnoli e Cavalleggeri: il racconto video

Vista la storia del luogo, in molti si sono esposti contro la visita di Salvini, tra cui il presidente della Municipalità Diego Civitillo.

Salvini all'Augusteo, tensioni in centro

Il Giffas è "nato per livellare diseguaglianze", e non si può dare il libero accesso "a chi invece esclude, discrimina, attacca tutto ciò che può apparire lontano dalla normotipicità". "Gli operai dell’Italsider, nonni e padri, nonne e madri degli attuali abitanti di Bagnoli e Fuorigrotta, vollero reagire ad ogni possibile esclusione – spiega Civitillo – creando un centro di accoglienza e cura". "Facciamo appello in primis alla comunità genitoriale del Giffas ad opporsi a questo affronto alla propria storia".

Le proteste

Intanto il Laboratorio Politico Iskra aveva organizzato dalle 8 "Ma che ce faje 'cca?", un presidio in piazza Bagnoli per contestare l'ex ministro dell'Interno. Riunitisi, i contestatori hanno intonato cori contro Salvini. "A Bagnoli decidiamo noi - sono le parole dei rappresentanti dei comitati di quartiere - i governi precedenti ci hanno solo preso in giro così come quello attual. Questa di Salvini è sporca campagna elettorale". "Trovo ripugnante - ha detto invece il presidente della X Municipalità Diego Civitillo, tra i manifestanti - che Salvini usi la disabilità per fare campagna elettorale". Una volta appreso del cambio di programma, il corteo si è diretto al Giffas di Cavalleggeri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Salvini

"A Napoli devono pensarci i napoletani", è stato il messaggio dell'ex vicepremier. "Questo centro è un'eccellenza - ha aggiunto - è un peccato che non possa essere arrivato qui a piedi, e che debba vedere queste camionette ogni volta che sono a Napoli". Il leghista ha anche attaccato il governo: "L'unica cosa che li ha messi d'accordo è stato il processo a mio carico".

Aggiornato alle 11.30

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

Torna su
NapoliToday è in caricamento