Vincenzo Priore ucciso "per uno schizzo di champagne in discoteca"

Le indagini sul 21enne trovato morto in via Cupa delle Vedove. Serata tra coetanei, forse un bicchiere di troppo, e dalle parole si è passati ai fatti. Ascoltati i due giovani rimasti feriti

Polizia

Potrebbe essere stato uno schizzo di champagne a provocare la rissa tra coetanei scoppiata in una discoteca l'altra notte e poi finita tragicamente con l'uccisione di Vincenzo Priore, 21 anni, raggiunto alla schiena da un colpo pistola esploso da ignoti. Il corpo del giovane è stato trovato alle 4 di oggi in via Cupa delle Vedove, in località Masseria Cardone di Scampia. Nei pressi del luogo del delitto la polizia ha trovato tre bossoli. Nella lite sono rimaste ferite altre due persone: un 28enne, sfiorato da un colpo di pistola alla testa, giudicato guaribile in cinque giorni, e un 23enne colpito alla testa con un corpo contundente. Il più giovane è stato medicato e dimesso dai sanitari dell'ospedale partenopeo di San Giovanni Bosco. Lì entrambi si sono recati per farsi soccorrere.

LA RICOSTRUZIONE - L'ipotesi sulla genesi della lite: serata in discoteca tra coetanei, forse un bicchiere di troppo, e poi dalle parole si è passati ai fatti. Qualcuno non ha saputo lasciare impunita un'offesa e ha pensato di farsi giustizia nel peggiore dei modi: usando una pistola. La Squadra Mobile di Napoli, che indaga sull'accaduto, ha ascoltato i due giovani per cercare di ricostruire la dinamica dell'accaduto e ritiene poco plausibile l'ipotesi che l'omicidio del giovane Priore sia avvenuto nell'ambito della faida di camorra che sta insanguinando le strade napoletane di Secondigliano e Scampia.
Dai rilievi effettuati sembrerebbe che i tre siano stati colpiti da colpi di pistola esplosi da un'auto in movimento e, in definitiva, che la morte di Priore sia verosimilmente avvenuta nell'ambito di uno scontro tra coetanei forse alticci poi tragicamente degenerato in omicidio. (Ansa)

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di giacomo
    giacomo

    A Napoli purtroppo si muore per molto poco, perche' chi intende delinquere sa di non rischiera nulla. Sia perche' difficilmente la persona aggredita è armata, e sia perche' le pene sono ridicole. Sicuramente il numero delle vittime si ridimensionerebbe notevolmente se i delinquenti avessero invece la certezza di finire ai lavori forzati per tutta la vita!! Se una tale legge fosse approvata, i delinquenti (gentaglia notoriamente vigliacca) per il terrore di finire in galera, non ruberebbero più neppure le caramelle delle loro nonne!!

  • Tony per avere giustizia, le migliori persone a poter farsì sono gli stessi feriti e le persone che hanno assistito alla lite, non credo che nessuno conosce nessuno.

  • Avatar anonimo di Tony
    Tony

    Vogliamo giustizia per il nostro Vincenzo priore

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scontri al corteo antifascista, la risposta degli attivisti: “Forze dell'ordine violente”

  • Cronaca

    Napoletani scomparsi in Messico, i familiari: "Li fanno marcire in carcere. Ci appelliamo a Dio"

  • Cronaca

    Aggredito da quattro ragazzini: "Non inveite contro chi mi ha aggredito"

  • Politica

    Inchiesta rifiuti, De Luca: "E' in atto un'operazione camorristica e squadristica"

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 19 al 23 febbraio 2018

  • Caterina Balivo scatenata al concerto di Jovanotti: “Caro Lorenzo...”

  • Dolori cervicali, quali sono i rimedi: i consigli dell’esperto

  • Napoli-Lipsia, come vedere la partita

  • Tempesta di neve sul Vesuvio: auto e turisti bloccati | VIDEO

  • Scomparsi in Messico, non si hanno più notizie di tre napoletani: cresce la paura

Torna su
NapoliToday è in caricamento