Si ripete il miracolo San Gennaro: il sangue si è sciolto

La lunga attesa sin dalle prime ore del mattino. La notizia salutata dai fedeli con un lungo applauso

Lo scioglimento del sangue (foto Ansa)

Miracolo di San Gennaro: si è ripetuto il prodigio dello scioglimento anche quest'anno. L'annuncio del Cardinale Crescenzio Sepe è arrivato alle 10,05 ed è stato salutato da un lungo applauso dei fedeli presenti, sin dalle prime ore del mattino, al Duomo di Napoli.

DUOMO BLINDATO

Massima attenzione sui temi sicurezza e viabilità. Tutti i fedeli sono stati sottoposti a serrati controlli. Duecento uomini impiegati tra forze dell’ordine, agenti in borghese tra la folla, polizia municipale, Protezione civile, vigili del fuoco e Croce rossa.

Il miracolo si ripete anche quest'anno: il video dello scioglimento del sangue

I TEODOFORI E LA LAMPADA VOTIVA

Il Duomo di Napoli ha ospitato ieri i vespri del Santo. A officiare messa, monsignor Antonio Di Donna, vescovo di Acerra. Proprio da Acerra è stato donato l'olio che alimenterà per tutto l'anno la lampada votiva che veglierà sulle relique del Patrono di Napoli. La celebrazione si è conclusa con l'arrivo dei teodofori del Centro Sportivo Italiano, provenienti dal Santuario di San Gennaro alla Solfatara, dalle Catacombe di San Gennaro e dalla Chiesa di San Gennaro ad Antignano hanno consegnato la fiaccola all'arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe.

LA STORIA

La leggenda narra che San Gennaro, vescovo di Benevento, fu martirizzato nel 305. Si ritiene che la sua nutrice ne raccolse il sangue in due ampolle per consegnare poi la preziosa reliquia al vescovo di Napoli, conservata in una cassaforte con doppia serratura nel Duomo di Napoli. Il racconto della donna compare pubblicato per la prima volta solo nel 1579, nel volume del canonico napoletano Paolo Regio su "Le vite de' sette Santi Protettori di Napoli". I vari ed interessanti testi agiografici in onore di san Gennaro e dei suoi compagni martiri si possono consultare nella Bibliotheca Sanctorum edita dalla Pontificia Università Lateranense nel 1965.

LA DATAZIONE

Gli Atti Bolognesi indicano il 305 come l'anno del martirio. Documenti liturgici molto antichi, come il calendario cartaginese ed il Martirologio Geronimiano del V secolo assegnano come data del martirio di Gennaro e dei suoi compagni il 19 settembre; indicano invece nel 13 aprile la data della prima traslazione dei resti del santo. Anche in un altro martirologio risalente all'VIII secolo, redatto dal monaco inglese Beda, il 19 settembre viene indicato come data del martirio.

LA LIQUEFAZIONE

Il fenomeno è invocato tre volte l'anno  - il sabato precedente la prima domenica di maggio e negli otto giorni successivi; il 19 settembre e per tutta l'ottava delle celebrazioni in onore del patrono, e il 16 dicembre - durante una solenne cerimonia religiosa guidata dall'arcivescovo. Per sottolineare come la religione possa fondersi con la superstizione popolare, la liquefazione durante la cerimonia è ritenuta foriera di buoni auspici per Napoli. Al contrario, la mancata liquefazione è vista come cattivo presagio per la città.

L'annuncio di Sepe: il miracolo si è compiuto | VIDEO

EVENTO PRODIGIOSO

La storia del sangue di San Gennaro è controversa. Dal 1902 si ha la certezza che nelle ampolle vi sia contenuto del sangue, dato che un esame spettroscopico condotto dai professori Sperindeo e Januario ha accertato la presenza di ossiemoglobina, una delle componenti ematiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento