Zanzariere: quali scegliere e quanto costano

Sono la soluzione più efficace e naturale per difendere la casa e possono diventare un gradevole elemento d'arredo

Con la bella stagione arrivano anche mosche, zanzare, vespe e calabroni. E la situazione peggiora se, come spesso accade a Napoli  soprattutto al centro, si abita vicino a negozi di ortofrutta o di alimentari in genere, mercatini rionali o semplicemente ad un condomino con la mania delle piante.

Non è solo questione di fastidio: molti insetti possono rivelarsi pericolosi, soprattutto per la salute dei bambini. Le punture degli Imenotteri, ad esempio, cioé api, vespe, calabroni sono responsabili di più del 50% delle reazioni allergiche e di circa il 20% degli shock anafilattici fatali. Per non parlare poi delle ultime invasioni di zanzare tigri

Difendersi però è semplice, economico e – anche – ecocompatibile: basta installare le zanzariere. Ricorrendo a una ditta specializzata in infissi oppure con il fai da te. Basta decidere quali sono le più adatte alle nostre esigenze e tasche tra le diverse tipologie in commercio:

 • Scorrevoli: da utilizzare sulle porte-finestre di balconi e terrazzi e in genere sugli accessi. Hanno il vantaggio di essere prive di guide inferiori, fondamentale per i distratti che potrebbero inciamparvi. Il movimento può essere verticale o orizzontale.

• A soffietto: dotate di binari, hanno grande stabilità e sono molto resistenti. Dunque sono ideali dove c’è un utilizzo maggiore delle aperture.

• A scomparsa: pratiche ed eleganti, quando non servono possono essere riavvolte e fatte, appunto, scomparire. 

A strappo: perfette anche per i principianti del fai da te, sono le più facili da montare: si acquistano a metro e, applicato il nastro biadesivo lungo tutto il perimetro della finestra, il gioco è fatto. Essendo fisse, però, sono adatte solo per finestre che aprono all’interno.

• A tenda: si applicano su un’asticella da fissare al muro con dei gancetti. Sono quindi facilissime da installare. Grazie alle diverse fantasie e colori,  inoltre, possono diventare un gradevole elemento d’arredo.

• Magnetiche: sono la soluzione migliore per le porte-finestre. Il magnete posizionato ai bordi delle aperture, si apre facilmente e si richiude automaticamente. Quindi non ostacolando il passaggio, neanche quello degli animali domestici.

Su misura: sono le più indicate per porte o finestre che non hanno dimensioni standard. Vanno progettate con cura e, soprattutto, è necessario prendere bene le misure del telaio.

Elettriche: sono un vero must-have. Dotate di motorino per l’apertura e la chiusura, possono essere controllate attraverso il telefonino, tramite un’app.

Montare le zanzariere: chi decide per zanzariere mobili e il fai da te, dovrà assicurarsi di avere sega, avvitatore, martello, chiodi, livella, silicone e l’indispensabile metro. Innanzitutto, infatti, dovranno essere prese le misure del telaio.

Costi Ovviamente i costi variano molto in base alla tipologia di modello:

• scorrevoli: 60/80 euro ;

• a soffietto: 70/90 euro;

• a scomparsa: dai 50 euro fino ad arrivare a 120;

• a strappo: dai 5 ai 16 euro;

• a tenda: dai 12 euro a salire in base a tessuto e fantasie;

• magnetiche: partono da 7 euro fino a 35 euro;

• su misura: il costo minimo è di 40 euro al mq;

• elettriche: da 100 a 160 euro, sono quindi le più costose.

Da ricordare che al costo della zanzariera bisogna aggiungere quello del materiale per l’eventuale telaio e, se non si provvede direttamente, la manodopera che può andare dai 35 a 60 euro a pezzo.

Di seguito i prodotti più venduti sul web:

 zanzariera magnetica      

kit zanzariera fai da te

zanzariera a strappo

zanzariera su misura

ti potrebbe interessare anche

Infissi: come scegliere 

Come allontanare le zanzare da casa 

Come allontanare i ragni da casa 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori offerte on-line di elettrodomestici e prodotti per la casa del Black Friday 2019

  • Emergenza freddo: pronto il piano di assistenza del Comune per i senza dimora

  • Palazzo Cirella: baluardo e simbolo del '48 partenopeo

  • Le idee vincenti per decorare il giardino o il terrazzo per Natale

  • Sulle tracce di Vanvitelli: Palazzo Berio

  • Albero di Natale: è meglio vero o finto?

Torna su
NapoliToday è in caricamento