Vomero

Luminarie al Vomero: un albero ed una slitta con renne. E poi?

Rilanciata la proposta di un gemellaggio con il Comune di Salerno

            “ Dopo gli annunci dei giorni scorsi, le luminarie natalizie hanno fatto la loro timida comparsa al Vomero – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, il quale nelle scorse settimane aveva lanciato un appello per un gemellaggio tra il Vomero e la città di Salerno per le “luci d’artista”-. Al momento è stato installato solo un albero luminoso in piazza Vanvitelli all’ingresso dell’isola pedonale di via Scarlatti e una slitta trainata da renne nella stessa isola quasi all’incrocio con via Alvino “.

            “ Si tratta solo di un anticipazione o visto che la coperta, come suol dirsi, è corta, bisognerà accontentarsi – chiede provocatoriamente Capodanno -? Pare infatti che quest’anno gli unici fondi a disposizione siano quelli annunciati dalla Camera di Commercio e dal Comune di Napoli giorni addietro, con un impegno complessivo, per tutta la Città, di appena 500mila euro. Davvero pochini, solo se si pensi che il Comune di Salerno ha stanziato per le “luci d’artista” ben due milioni e quattrocentomila euro, con un ritorno però notevole, in termini d’immagine ma anche economici, che deriverà dal grande movimento turistico che sta generando l’evento, già partito da tempo. Volendo fare le cose per bene, la somma indicate potrebbe bastare al massimo ad illuminare le sole strade e piazze dell’area collinare della Città “.

            “ Così – prosegue Capodanno - il più grande centro commerciale di Napoli e tra i primi in d’Europa, che solo al Vomero vede la presenza di quasi duemila esercizi a posto fisso, anche della grande distribuzione, in un fazzoletto di appena due chilometri quadrati, rischia di rimanere, se si eccettuano alcuni tratti di strada, praticamente al buio ovvero senza le caratteristiche luminarie che a Natale rendono ancora più appetibile lo shopping. A meno che non provvedano, come pare stiano facendo attraverso alcune ditte private, mettendo però mano alla tasca, gli stessi commercianti delle strade escluse, che di certo, anche a ragione della crisi in atto, non manifesteranno un eccessivo gradimento per questa divisione tra strade e piazze di serie A, che saranno illuminate con danaro pubblico e strade e piazze di serie B, per le quali non è stato stanziato neppure un centesimo di euro “.

            “ Mi auguro – conclude Capodanno – che la Regione Campania e l’amministrazione comunale, in uno ad altri Enti interessati anche agli aspetti turistici oltre che commerciali, dal momento che una Città illuminata adeguatamente ed uniformemente durante le festività natalizie certamente funziona da attrattore pure per i visitatori, come dimostra l’esempio appunto di Salerno, vogliano intervenire per tempo provvedendo ad integrare gli addobbi da installare, estendendoli alle altre strade e piazze dello shopping vomerese, in uno ad un programma di manifestazioni teso a rendere più felice e piacevole le oramai prossime festività “.

            Con l’occasione Capodanno rilancia l’ipotesi di un gemellaggio tra il Vomero ed il Comune di Salerno per l’installazione nel quartiere collinare napoletano delle “luci d’artista”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento