rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Vomero Vomero / Via Santa Maria della Libera

Via S. Maria della Libera, moto in controsenso: pedoni in pericolo

La denuncia del portavoce dei residenti Sabino Genovese. "Non vorremmo che prima o poi ci scappasse il morto quindi chiediamo ancora una volta di prendere provvedimenti"

Dopo l'incidente di venerdì scorso in via Cilea, in cui ha perso la vita il prof. Leone, al Vomero è tornato fortemente d'attualità il problema legato alle forti velocità con cui molti motociclisti percorrono le arterie collinari.

A sollevare un ulteriore problema ci ha pensato il sempre attivo Sabino Genovese, portavoce dei residenti vomeresi, che ha denunciato una situazione incresciosa che si verifica soventemente in via Santa Maria della Libera, strada che congiunge via Cilea con via Belvedere.

"Nei giorni scorsi, purtroppo, si è verificato un incidente mortale in via Cilea, a causa di una moto che a fortissima velocità ha investito un pedone. Purtroppo, in questa città, sono tantissime le moto che non rispettano il codice della strada, transitando spesso anche sui marciapiedi, così come più volte da noi segnalato. Per questo chiediamo "tolleranza zero", afferma Genovese.

"Una delle strade del Vomero in cui maggiormente avviene questa infrazione - denuncia Genovese - è via S. Maria della Libera, poichè le moto per raggiungere via Belvedere dovrebbero arrivare fino al Corso Europa. Tantissimi motociclisti, però, trovano più conveniente raggiungerla attraversando contro-senso via S.Maria della Libera, transitando spesso e volentieri anche sui marciapiedi".

"Non vorremmo che prima o poi ci scappasse il morto e chiediamo ancora una volta di prendere provvedimenti. Abbiamo già più volte segnalato la situazione e l’ennesima richiesta, è stata protocollata alla V Municipalità ed alla Polizia Municipale del Vomero in data 14 ottobre 2011", conclude il leader dei residenti collinari.

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via S. Maria della Libera, moto in controsenso: pedoni in pericolo

NapoliToday è in caricamento