Vomero Vomero

Tagli al Comune, via il direttore della Municipalità Vomero?

Saranno cinquantasei i dirigenti che il Comune di Napoli sarà costretto a mandare a casa entro il 27 luglio, dopo la nota della Corte dei Conti inviata il 25 giugno scorso a Palazzo San Giacomo

Comune di Napoli

Cinquantasei dirigenti da mandare a casa entro il 27 luglio ed il Comune di Napoli rischia la paralisi. È l’effetto della nota della Corte dei Conti inviata il 25 giugno scorso a Palazzo San Giacomo: un “richiamo” per aver sforato i parametri di legge per la spesa del personale.

Tra i professionisti che da anni occupano centri nevralgici e che presto potrebbero essere costretti ad interrompere la propria opera, ci sono anche Peppe D’Alessio, autore del progetto della Ztl del Mare di Chiaia e persona di riferimento dell’assessorato alla Mobilità, il generale Luigi Sementa, dirigente della Polizia municipale, Paola Sabatin, punto di riferimento della ragioneria generale, il direttore della municipalità del Vomero e altre decine di dirigenti di punta.

Il Comune di Napoli, come spiega Tiziana Cozzi su Repubblica, ha sforato del 3 per cento i parametri stabiliti dalla legge per la spesa relativa al personale. Ha speso cioè 50 milioni di euro in più, somma che oggi va tagliata. Secondo la legge, dunque, il Comune non può rinnovare 56 contratti, tra cui 17 sono destinati ad andare via definitivamente, 39 torneranno a fare i funzionari, mentre altri 17 sono titolari di contratti esterni e quindi già fuori dalle stanze comunali.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli al Comune, via il direttore della Municipalità Vomero?

NapoliToday è in caricamento