Vomero Vomero / Via Belvedere

Sgombero Scuola Belvedere, ass. Fucito: "Sorpresi e perplessi dalla decisione"

L'assessore comunale al Patrimonio ha espresso tutte le sue perplessità in merito alla decisione di sgomberare famiglie e persone in difficoltà, per le quali si stava cercando una soluzione, in pieno agosto

Scuola Belvedere

In merito allo sgombero dello stabile sito in Via Belvedere di proprietà dell'ordine monastico Suore di Nostra Signora della Carità del Buon Pastore, in passato scuola Belvedere, occupato dallo scorso aprile, l'assessore comunale al Patrimonio Alessandro Fucito ha diffuso una nota.

"Lo stabile in via Belvedere - afferma Fucito - pur non essendo di proprietà del Comune, ma dell'ordine monastico Suore di Nostra Signora della Carità del Buon Pastore, era stato occupato da famiglie e persone in difficoltà per le quali avremmo voluto trovare una soluzione attraverso il dialogo con tutti i soggetti coinvolti e interessati".

"Per questo - prosegue l'assessore - ci coglie di sorpresa la decisione dello sgombero: lascia perplessi infatti la modalità di rilascio coattivo in pieno agosto della struttura. Una struttura che la Giunta de Magistris scelse di dismettere perchè rappresentava un esoso fitto passivo pari ad oltre ventimila euro mensili e che, dopo la dismissione da parte del Comune e ritornata in possesso del proprietario privato, è stata appunto occupata".

"Tale circostanza - conclude Fucito - dimostra quanto sia forte il tema dell'emergenza abitativa e quanto sia indispensabile un rinnovato e preventivo dialogo tra le istituzioni per darvi risposta. Un dialogo che stiamo affannosamente ricercando per offrire soluzioni adeguate. È comunque cultura di questa amministrazione rifuggire le logiche burocratiche, scegliendo la strada del dialogo con soggetti e realtà sociali che esprimono un bisogno fortemente aggravato dalla crisi economica generale quale è quello abitativo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgombero Scuola Belvedere, ass. Fucito: "Sorpresi e perplessi dalla decisione"

NapoliToday è in caricamento