rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Vomero Vomero / Largo San Martino

Commercianti in rivolta a San Martino

Le novità nella circolazione automobilistica rischiano di dare il colpo mortale ai commercianti della zona, già da tempo in crisi per il crollo dei consumi e del turismo

Le novità nella circolazione automobilistica riguardanti le strade che portano a San Martino, rischiano di dare il colpo di grazia ai commercianti della zona, già in difficoltà per il crollo dei consumi e dei turisti.

E' quanto sostengono Renato Mandile e Rino Corcione, due rappresentanti storici del commercio nella zona collinare.

Martedì sera i commercianti di largo San Martino hanno visto arrivare alcuni operai a sistemare grossi blocchi di plastica rossi e bianchi per creare una rotatoria in quel che resta della piazza.

I negozianti hanno subito notato che i bus turistici e i taxi facevano fatica a scaricare turisti e visitatori e così ieri mattina si sono organizzati e hanno inscenato una protesta piazzandosi in strada e bloccando il passaggio degli autobus.

"Questo luogo sta morendo, la novità nella circolazione automobilistica darà il colpo di grazia", dicono Mandile e Corcione a Il Mattino.

Entrambi gioiellieri, entrambi decisi a resistere all’abbandono di San Martino e alla crisi economica che ha portato via il 50% dei turisti e il 70% degli incassi. "È un momento durissimo - spiega Renato Mandile - andiamo avanti giorno dopo giorno, cercando di non scoraggiarci. Ma quando abbiamo visto che si presentava questa ulteriore novità nella circolazione abbiamo capito che c’era da lottare per evitare che diventasse definitiva".

"Volevamo fare un gesto simbolico per attirare l’attenzione - dice Rino Corcione - perché anche se siamo tra gli esercizi commerciali più antichi del Vomero, nessuno ci ascolta. Lasciano morire San Martino, e il nostro lavoro, senza nemmeno tenderci una mano".

Di diverso parere il presidente della V Municipalità Mario Coppeto, che ha fortemente sostenuto la novità della circolazione: "Quella rotatoria per adesso è temporanea ma poi sarà realizzata in modo da non deturpare il luogo; serve ad evitare che di sera e nei week end, le auto degli incivili invadano la piazza. Ci sono momenti in cui i bus non possono nemmeno scendere laggiù perché resterebbero bloccati. Questa iniziativa nasce per restituire dignità a San Martino".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercianti in rivolta a San Martino

NapoliToday è in caricamento